Home Articoli Altro Un pianoforte in corsia: la musica come cura

Un pianoforte in corsia: la musica come cura

2
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Un pianoforte in corsia: la musica come cura, 5.0 out of 5 based on 3 ratings

Un pianoforte in corsia: la musica come cura

La sala di aspetto del Day Hospital del reparto di oncologia dell’ospedale di Alessandria ospita da qualche giorno un pianoforte a mezza coda, a disposizione di qualsiasi pianista voglia alleggerire con le sue note l’attesa dei pazienti per visite e terapie in questo delicato padiglione.

Al Dott. Vittorio Fusco si deve l’idea: in principio avrebbe voluto donare il vecchio pianoforte di famiglia, ma date le pessime condizioni di quest’ultimo ha preferito in seguito puntare su uno strumento nuovo e più affidabile. Per raccogliere i fondi necessari è partita una gara di solidarietà che si è estesa ben oltre le mura dell’ospedale alessandrino, perché in soccorso al Dott.Fusco è giunta la famiglia Taulino, che in Alessandria è attiva da anni con un punto vendita di strumenti musicali e che ha voluto aderire per ricordare Alessandro, scomparso lo scorso anno a soli 21 anni a causa di un male incurabile. La famiglia Taulino ha coinvolto in seguito anche il paese di Oviglio in cui vive, dove gli amici di Alessandro e diverse associazioni locali come la SOMS, la Pro Loco o l’U.S. Oviglio si sono mobilitate la scorsa estate organizzando manifestazioni ed eventi per raccogliere altri fondi destinati all’acquisto dello strumento.

Raggiunta la cifra necessaria all’acquisto, il 30 novembre lo strumento è giunto finalmente nella sala di aspetto del reparto di oncologia dell’ospedale: si tratta di un pianoforte a mezza coda H.Willermann mod.148, che ora è a disposizione di qualsiasi pianista voglia dedicare una piccola porzione del suo tempo ai malati presenti nella sala di attesa. L’iniziativa ha ottenuto un notevole successo, e un buon numero di pianisti ha già dato la sua disponibilità; a tal proposito, il Dott.Fusco ci ha fornito alcune linee guida per la partecipazione che vi riportiamo.

Per partecipare

In primis, è opportuno sapere che la sala di attesa è anche un luogo di lavoro per infermieri e personale amministrativo, quindi è richiesta musica di sottofondo e rilassante. Lo strumento è a disposizione dei volontari dal lunedì al giovedì dalle ore 9 fino alle ore 15.30, e al venerdì fino alle ore 13, ma l’orario di maggior affluenza dei pazienti (e di necessità del supporto) è tra le ore 9 e le 11. Se avete qualche ora del vostro tempo libero da donare, e volete prenotare il vostro intervento, potete contattare il Dott.Fusco ([email protected]), oppure la Caposala del reparto Elisabetta Ferrero ([email protected]).

 

 

 

 

 

 

Pianosolo consiglia

2 COMMENTI

  1. Un grazie a chi ha avuto l’idea, a chi l’ha resa possibile, a chi la rende viva e a chi la diffonde!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here