Home Articoli The Grand Hybrid Experience: un sogno per tre pianisti

The Grand Hybrid Experience: un sogno per tre pianisti

0
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
The Grand Hybrid Experience: un sogno per tre pianisti, 5.0 out of 5 based on 1 rating

La vita è davvero imprevedibile. Quando meno te lo aspetti ti può accadere qualcosa di veramente straordinario. Alcuni dicono che nulla capiti per caso e altri ancora dicono che le cose belle capitino solo agli audaci e a chi si dà da fare.

I tre pianisti che hanno vissuto questo sogno sicuramente lo hanno meritato. Qualche mese fa avevamo segnalato sulle pagine di Pianosolo un contest indetto da Casio Italia e rivolto a tutti i pianisti amatoriali e professionisti aspiranti compositori.

Ai partecipanti si chiedeva la realizzazione di un video in cui avrebbero dovuto suonare dal vivo un brano (solo piano o piano più voce) di propria composizione.

In palio una serata speciale, un evento esclusivo, un’occasione di esibirsi in pubblico, alla presenza di ospiti prestigiosi, degli ambasciatori Casio Irene Veneziano e Max Tempia e un coach d’eccezione: Boosta dei Subsonica.

Martedì 30 Maggio, presso lo storico Teatro Gerolamo di Milano, alle ore 18, si è svolta la premiazione dei tre vincitori. Ad aggiudicarsi il premio sono stati: Maria del Mar Cabezuelo Saenz, Alessio Zucca e il cantautore Davide Epicoco, felici dell’esito del contest, ma ignari dell’esperienza unica che avrebbero vissuto, appunto The Grand Hybrid Experience!

Agli aspiranti compositori era stato comunicato che avrebbero dovuto realizzare un video promozionale delle proprie composizioni in teatro e rigorosamente senza pubblico. La sorpresa è stata grande per gli artisti, infatti, grazie all’ottima architettura organizzativa di Casio Italia, mentre i tre sedevano al pianoforte digitale Casio Grand Hybrid GP500 collocato al centro del palcoscenico, il sipario dietro di loro si è aperto per permettere a un’orchestra di materializzarsi del tutto inaspettatamente e di eseguire insieme ai solisti le composizioni vincitrici del contest.

Protagonista anche GnuQuartet, composto da Raffaele Rebaudengo (viola), Francesca Rapetti (flauto), Roberto Izzo (violino) e Stefano Cabrera (violoncello),  che con l’ausilio di altri musicisti ha costituito il supporto orchestrale dell’esecuzione e naturalmente il pubblico che ha omaggiato gli artisti con un fantastico applauso finale.

Una serata indimenticabile in cui l’emozione dei protagonisti è stata contagiosa anche per chi era presente in veste di semplice spettatore, perché ha significato assistere alla realizzazione di un sogno e se questo sogno è un sogno musicale allora l’operazione condotta da Casio Italia assume per noi un valore ancora maggiore!

Ecco un breve video riassuntivo:

    Ecco qualche scatto della serata:

     

    Pianosolo consiglia

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here