Home Articoli Altro The Extra Something. Il live al Village Vanguard di Enrico Pieranunzi in...

The Extra Something. Il live al Village Vanguard di Enrico Pieranunzi in quintetto in un cd

0

Il Village Vanguard di New York non è solo uno dei jazz club più noti al mondo, è piuttosto un luogo sacro, una sorta di tempio dove negli anni a calcarne il palcoscenico sono stati i più grandi musicisti jazz mai esistiti. L’elenco sarebbe lungo e forse anche noioso, ma una cosa è certa, ognuno di loro ha lasciato in questo luogo il sapore inconfondibile di un’esperienza musicale straordinaria, ha contribuito a forgiarne l’atmosfera. Grazie al genio illuminato del suo fondatore, Max Gordon, che intuì la preziosità della registrazione live, forse l’unica in grado di catturare quella che è la caratteristica primaria del jazz, il suo farsi nel qui e nell’ora e nell’irripetibilità di ogni jam, moltissime celebri registrazioni che oggi celebriamo come grammatica e sintassi fondamentali di questo linguaggio, hanno visto la luce proprio tra le pareti del Village Vanguard.

E allora ci entriamo di nuovo volentieri da quella porta rossa, questa volta ad ascoltare il pianista e compositore Enrico Pieranunzi con una line up stellare formata da Diego Urcola (tromba e trombone), Seamus Blake (sax tenore), Ben Street (contrabbasso) e Adam Cruz (batteria). La registrazione del live, pubblicata da Cam Jazz, risale al 2016 e si intitola The Extra Something.

Non è la prima volta che Enrico Pieranunzi suona e registra al Village Vanguard di New York, infatti due precedenti registrazioni lo confermano, e il disco è dedicato proprio a Lorraine Gordon, che per prima invitò il pianista a suonare in questo spazio che fino a un certo punto sembrava quasi interdetto agli artisti europei.

The Extra Something è quel “qualcosa in più” che non fatichiamo a riconoscere ascoltando l’album, le cui sette tracce sono tutte opera della creatività e della sapiente abilità compositiva di Enrico Pieranunzi. È un “qualcosa in più” proprio l’atmosfera del live che si respira sin dalla prima traccia dell’album, Blue Afternoon, che ci catapulta in una dimensione musicale dove a farla da padrone è un groove intensamente dinamico, un fraseggio le cui cellule melodico-ritmiche sono parte vitale di un periodo di senso compiuto e rispondono a strutture narrative ben strutturate, in linea con la completa padronanza della forma che Pieranunzi possiede.  E ancora, quel “qualcosa in più” è la dimensione collettiva, una coralità, quella che si richiede a un quintetto, che sprizza swing dalla prima all’ultima nota, ma anche sperimentazione, come in Atoms, quella superba eleganza, quel gusto particolare che il pianista ci ha insegnato a riconoscere come sua cifra stilistica peculiare, come in Song for Kenny. Questa musica non può incasellarsi nella rigida definizione di jazz europeo o jazz americano, è inequivocabilmente jazz, è la musica di Enrico Pieranunzi.

 

Pianosolo consiglia

Articolo precedenteIl Rameau poetico e visionario di Luca Ciammarughi nello specchio di Saint-Saëns
Articolo successivoEsperienze di tecnica pianistica. Un volume di Serena Galli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here