Home Articoli T.R.E. & Stefano Battaglia, Horo (2014 Abeat Records)

T.R.E. & Stefano Battaglia, Horo (2014 Abeat Records)

0
T.R.E. & Stefano Battaglia, Horo (2014 Abeat Records), 5.0 out of 5 based on 74 ratings

T.R.E. & Stefano Battaglia, Horo (2014 Abeat Records)

horocd

Ci sono spazi in cui bisogna muoversi silenziosamente e lentamente, luoghi in cui la coscienza della propria posizione deve farsi largo progressivamente partendo dalle sensazioni e solo dopo un lungo cammino riappropriarsi della fisicità. Sono gli spazi in cui arriviamo a toccare una bellezza non esteriore ma profonda, dove i cliché sono aboliti, i canoni rivoluzionati, dove non esiste apparenza, involucro esteriore, esercizio di stile, bensì sostanza, essenza, materia grezza lavorata con sudore e autenticità che arriva a sublimare nell’arte.

Questo è lo spazio in cui abita la creazione artistica di “Horo”, doppio cd firmato da T.R.E. (Alessandro Giachero al pianoforte e pianoforte preparato, Stefano Risso al contrabbasso, Marco Zanoli alla batteria e alle percussioni) e Stefano Battaglia (pianoforte e pianoforte preparato). Una formazione inusuale quella che affianca al trio tradizionale un secondo pianoforte e ancora più inusuale il ruolo di questo secondo strumento nell’economia generale del gruppo. I due pianoforti si compenetrano alla perfezione, non ci sono stilismi autoreferenziali, semmai il senso di un lavoro collettivo che tende a un unico scopo estetico e concettuale.

I due cd recano titoli esaustivi del loro contenuto. Il primo si intitola “Composizioni” e contiene le composizioni di Stefano Risso, il secondo, dedicato alle “Forme e Invenzioni” di questo ensemble musicale, raggruppa delle improvvisazioni. Facendo ricorso a una terminologia rubata alla musica colta occidentale, questo “Horo” suona come un lavoro cameristico che suscita però una sensazione sonora orchestrale in vitù del legame e della profonda empatia che intercorre tra Giachero, Risso, Zanoli e Battaglia, quell’empatia che presiede i processi estetici a più mani e che determina reciproca comprensione, comunicazione, senza ridondanza di verbalità.

Lo studio del suono è fondamentale sia per il trio che per Battaglia, così come la ricerca e l’esplorazione in un ambito che non può essere segregato una definizione standard. Le composizioni di Risso recano titoli che fanno riferimento a danze bulgare, la danza e la sua stretta connessione alla fisicità, ma anche nella sua primaria accezione di strumento per eccellenza di avvicinamento al sacro, dunque estasi e astrazione, identificazione collettiva, rituale popolare. La scrittura viene messa da parte nelle improvvisazioni, ma non la forma, che rigorosa percepiamo presente anche nel secondo dei due cd di “Horo” e che ci rende partecipi di un altro rito: quello della libera espressione di un sé moltiplicato per le quattro personalità musicali che compongono questo gruppo affidata a intuito, capacità di ascolto reciproco e comprensione delle infinite possibilità del gesto artistico.

video

Pianosolo consiglia

Articolo precedenteFederico Mompou, Impresiones intimas n.1 (Planys)
Articolo successivoMaurice Ravel, Jeux d’eau (spartito)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here