Home Articoli Altro Studiare Pianoforte da Adulti

Studiare Pianoforte da Adulti

4

Nel corso dei miei anni di insegnamento ho seguito molti studenti, molti dei quali adulti.

Erano tutte persone che o avevano già studiato pianoforte in passato e volevano riprenderlo, o che volevano cominciare da zero perché era il loro sogno nel cassetto.

Personalmente mi sono sempre trovato molto bene ad intraprendere un percorso con gli adulti perché sanno quello che vogliono e conoscono i sacrifici economici che fanno per permettersi un corso di pianoforte e perciò non vogliono perdere tempo.

Tra le varie esperienze dei miei studenti adulti ho notato delle costanti che voglio esporti proprio oggi qui in questo articolo. Mettiti perciò comodo perché potrebbero riguardarti molto da vicino.

L’ambiente Familiare

Se sei un padre o una madre di famiglia, o semplicemente condividi la tua abitazione con un partner, significa che non sei solo. Dunque dovrai mettere in chiaro la situazione con i componenti della famiglia in merito alla tua decisione di imparare a suonare il pianoforte.

Questo ti servirà principalmente per due cose:

  • A te in primo luogo. Avrai annunciato le tue intenzioni “pubblicamente”, non puoi ora tirarti indietro, devi proseguire;
  • Agli altri per capire quanto seriamente hai preso questa questione e che dovrai avere dei momenti tutti per te per esercitarti.

Non basterà la lezione di pianoforte a renderti un abile pianista, ma dovrai esercitarti a casa. Per questa ragione è necessario che ci sia la massima collaborazione da parte del nucleo familiare.

Programma le Sedute di Studio

Tutti noi abbiamo giornate impegnatissime. Per questa ragione, se non programmerai a tavolino quando dovrai esercitarti, finirai per procrastinare.

  • “Lo faccio domani, tanto c’è tempo”
  • “Questo lo so fare, non devo ripeterlo”
  • “Se salto un giorno non fa niente…”

Tutte frasi che almeno una volta ti sarai detto fra te e te ma che sono estremamente dannose e ti spiego il perché.

Se salti un giorno di allenamento non succede nulla. Sarai esattamente quello che eri l’altro ieri. Tuttavia quello che vai a modificare – a livello inconscio – è il tuo atteggiamento mentale.

Il solo permettere di saltare una seduta di studio ti dà il diritto di rifarlo ancora in futuro e poi ancora e ancora entrando così in un circolo vizioso. Per questo non bisognerebbe mai saltare la lezione di pianoforte, mai saltare l’esercizio quotidiano, mai rimandare!

Datti del Tempo

È vero, essere adulti ci rende consci dei nostri obiettivi ma allo stesso tempo ci rende impazienti. Pensiamo di avere poco tempo davanti a noi e vogliamo ottenere tutto e subito.

Ti racconto questa mia esperienza personale…

Ho insegnato ad un signore di circa 65 anni per un anno. Nella prima lezione mi disse che aveva già preso lezioni in precedenza ma che aveva mollato perché era impaziente.

Non vedeva risultati e dava la colpa ai maestri che gli facevano fare – a detta sua – cose inutili.

Dunque, memore delle esperienze precedenti mi disse: “Questa volta non ho fretta. Voglio darmi 2 anni di tempo. Se in questi due anni non avrò imparato, significa che il piano non fa per me”.

Ero molto felice di sentire quelle parole. Non è da tutti sapere aspettare due anni prima di tirare le somme. Così, con grande ottimismo, iniziammo insieme il nostro percorso.

La prima lezione andò liscia, la seconda pure, dalla terza…

Gli assegnavo dei compiti ma non li faceva e li sostituiva con cose scelte da lui senza alcun criterio didattico.

Alla decima lezione non c’era più alcuna regola e alcun percorso logico. Finii l’anno per correttezza e poi le nostre strade si divisero.

Insomma, le intenzioni c’erano, un po’ meno le azioni. Quel suo aspetto caratteriale non lo ha mai fatto progredire di un solo passo. Per questo ti dico: non avere fretta. Prima dei due anni di studio ti sembrerà sempre di essere sullo stesso punto. Studierai, ti impegnerai, dedicherai ore ed ore e non vedrai risultati. È questa la parte più difficile ed è qui che devi tenere duro.

Il Percorso Adatto a Te

Molti mollano le lezioni perché non riescono a mantenere il ritmo della cadenza settimanale, per varie ragioni.

Dicono, in modo rassegnato, che il pianoforte non fa per loro.

Forse quello che non fa per loro sono le modalità. Per questa ragione ho preparato un percorso che puoi seguire tranquillamente da casa tua che ti accompagnerà dal punto zero fino a dove vorrai.

Troverai lezioni teoriche, pratiche, esercizi, soluzioni, test, incontri di gruppo con altri studenti del tuo livello e sarai supportato da un maestro 7 giorni su 7.

Tutte le informazioni le trovi cliccando qui.

Pianosolo consiglia

Articolo precedenteSpartiti per pianoforte con note scritte
Articolo successivoUnderneath. Pietro Paris per il suo disco d’esordio sceglie la profondità
Sono un pianista a tempo pieno, laureato a pieni voti all'ISSM "G.Puccini" di Gallarate. Adoro condividere le mie esperienze musicali sul web con articoli e video. Insegno pianoforte a coloro che intendono cominciare questa fantastica avventura.

4 COMMENTI

  1. Ciao e grazie dei consigli. Ho iniziato a 54 anni e sono già a due di più. A differenza (credo) di tanti, ho iniziato per scherzo. Una sfida con mio figlio. Non perdo mai una lezione e mi alleno tutti i giorni, anche per una sola mezz’ora. Mai ho detto : ma chi me lo ha fatto fare. Mi piace da impazzire e non mollerò mai. Si è dura, i diti non si muovono come vorresti, ma i risultati ci sono e come se ci sono.

  2. Ciao,
    Ottimi consigli, soprattutto sula gestione del rapporto con il partner e sulla necessità di non saltare lezioni, che qualche volta faccio però.
    Complimenti, da ora in poi ti seguirò.
    Da tre anni ho ripreso a suonare, ho 60 anni.

  3. Ho iniziato a studiare pianoforte a 65 anni. sono poco più di due anni che lavoro con risultati a mio parere modesti, ma come dici tu, mi sono data del tempo e continuo il mio percorso, faticoso e che volte pare impossibile ma di grande soddisfazione. Complimenti per il tuo lavoro e grazie per i consigli.

  4. Complimenti Christian per aver colto bene gli aspetti critici di chi inizia a studiare pianoforte da adulto . Assolutamente centrati . Complimenti per il progetto che stai portando avanti . Spesso leggo o ascolto quanto proponi , sempre utile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here