Home Articoli Stefania Tallini, Gabriel Grossi, special guest Jaques Morelenbaum, Brasita (AlfaMusic)

Stefania Tallini, Gabriel Grossi, special guest Jaques Morelenbaum, Brasita (AlfaMusic)

0

Avete presenti quegli innamoramenti istantanei, fulminei, quella violenta scossa al cuore che a volte un incontro fortuito causa senza preavviso di sorta? Ecco, questo è quanto accade già al primo ascolto di Brasita, l’ultimo lavoro discografico che la pianista e compositrice Stefania Tallini pubblica per AlfaMusic con l’armonicista brasiliano Gabriel Grossi, uno dei migliori al mondo e uno dei più importanti strumentisti della musica brasiliana, e con un ospite speciale come il grande violoncellista Jaques Morelenbaum, altro importantissimo nome della musica brasiliana. Anche se l’amore spesso non trova le parole per esprimersi, troppo facile sarebbe chiudere in un solo concetto qualcosa che è piuttosto proteiforme nella sua bellezza.

 

Brasita è il confluire di esperienze musicali diverse, quelle di Stefania Tallini, che da sempre coniuga in maniera esemplare formazione classica, jazz e musica brasiliana, e quelle dei suoi compagni di viaggio, ma è allo stesso tempo un colore, un suono, un’atmosfera unica che percorre il disco dalla prima all’ultima traccia in un’omogeneità sorprendente. Quest’atmosfera fa pensare a un viaggio verso un Sud ideale, non geograficamente circoscritto, ma poeticamente definito da quei tratti con cui siamo usi a pensarlo, una dimensione sentimentale, lirica, calda, un punto cardinale che accoglie, un abbraccio ampio a cui lasciarsi andare senza opporre resistenza. E cosi viaggiamo tra composizioni originali talora ispirate da autori classici, dalla magica penna di Stefania Tallini e Gabriel Grossi, a brani celebri come Nuovo Cinema Paradiso od Olha Maria o ancora O mio babbino caro dal Gianni Schicchi di Puccini che trovano nuovo respiro in questo lavoro.

Un incontro tra artisti dalla differente personalità ma affini nella sensibilità tanto da farsi artefici di un linguaggio, di una parola musicale che è pura e limpida magia. Impossibile non cadere innamorati di questa musica.

 

Pianosolo consiglia

Articolo precedenteRadu Lupu. Addio a un grande artista
Articolo successivoDal 20 al 22 maggio torna Piano City Milano con oltre 216 concerti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here