Home Classica Spartiti per pianoforte di brani famosi

Spartiti per pianoforte di brani famosi

3
Spartiti per pianoforte di brani famosi, 3.0 out of 5 based on 7 ratings

La musica classica, o, più correttamente, la musica colta occidentale, ci ha regalato capolavori della letteratura pianistica che ognuno di noi, sin dai suoi primi passi sulla tastiera del pianoforte, desidera suonare. Naturalmente per arrivare a suonare queste composizioni occorre un bagaglio di conoscenze non solo meccaniche e tecniche, ma anche interpretative, per esaltarne ogni minima sfumatura di senso e questo si ottiene con molto studio, ma possiamo cominciare ad avvicinarci ad alcuni brani.

Per Elisa – L. V. Beethoven

Per Elisa è uno dei brani più conosciuti del repertorio beethoveniano. La dedica non chiarisce con certezza la destinataria della composizione. Sono molte le ipotesi formulate dagli storici e dai musicologi sulla base dei manoscritti del compositore, resta il fatto che la melodia di Per Elisa gode oggi di una notorietà che ha attraversato i secoli e le mode e che sono moltissimi i pianisti in erba che si cimentano con le sue frasi musicali dolci e romantiche.

Il brano è effettivamente accessibile anche a coloro che sono all’inizio del loro percorso di studio del pianoforte. La parte finale potrebbe risultare leggermente ostica, ma le difficoltà non sono insormontabili per i principianti.

Gymnopédie No.1 – E. Satie

Questa composizione è la prima delle 3 Gymnopédies a firma del compositore francese Erik Satie. Un pezzo breve dall’andamento lento, un incedere malinconico e doloroso, come segnato dallo stesso compositore (Lent et douloureux).

Rondò alla Turca – W. A. Mozart

La Marcia turca, o più propriamente Rondò alla turca corrisponde all’ultimo movimento della Sonata per pianoforte n.11  K 331 di Mozart. La composizione è molto conosciuta anche presso i non addetti ai lavori o addirittura a chi non si interessa di musica, dato l’uso che nel tempo se ne è fatto in numerosi messaggi pubblicitari o per le sue trasposizioni in linguaggi musicali differenti da quello originario, come il jazz, solo per fare un esempio.

Oltre alla citazione del titolo, che rimanda al fascino per l’esotico esercitato dalla Turchia ai tempi di Mozart, di turco musicalmente nel brano non troviamo niente. La sua natura è percussiva e dunque il suo andamento fa pensare a una marcia, ma la sua forma è quella ciclica del Rondò.

Anche la forma del Rondò utilizzata da Mozart, con la sua struttura ciclica e appunto il ritorno continuo dell’idea musicale principale, ha contribuito alla notorietà di questa composizione.

Notturno Op.9 no.2 – F. Chopin

Con questo brano più che mai occorre mettere in campo una certa abilità interpretativa. Un’atmosfera da sogno campeggia per tutto il Notturno, una piccola forma densa di significato da rendere pianisticamente con delicatezza di tocco e intensa espressività. Questo Notturno è molto amato non solo dai pianisti, ma anche dagli ascoltatori. Si dice che Chopin lo eseguisse spesso proprio su richiesta del suo pubblico.

Clair de Lune – C. Debussy

Atmosfera rarefatta e magica che lascia spazio all’immaginazione per questo brano di Claude Debussy tratto dalla sua “Suite Bergamasque”.

Liberamente ispirato all’omonima poesia di Paul Verlain, Clair de lune è sicuramente una delle pagine più celebri del compositore. L’apertura del brano è affidata a un tema semplice ma dalla forte suggestione timbrica, che evolve verso una sezione più mossa, ma restando sempre priva di tensione per tornare poi alla chiusura in ppp.

Studio Op.10 no.3 “Tristezza” – F.Chopin

Gli Studi di Chopin… croce e delizia dello studente di pianoforte! Non fa eccezione lo Studio n.3 dell’Op.10 che presenta notevoli difficoltà esecutive. Il brano era dedicato alla sua patria e lo stesso Chopin lo definì come la più bella delle sue melodie. La melodia la troviamo all’inizio e alla fine dello Studio, ma la parte di maggiore complessità è quella centrale.

Spartiti di Chopin Facilitati?

Se desideri eseguire i più grandi classici di Chopin in una versione semplificata, allora la raccolta Smart Chopin fa al caso tuo. Buon divertimento!

Pianosolo consiglia

Articolo precedenteLezione di Solfeggio n.1: cos’è e come si fa?
Articolo successivoCome scegliere un pianoforte usato
Marketing manager e Webmaster di Pianosolo.it, suono il pianoforte da quando avevo 11 anni. Amo la musica e la tecnologia. Per qualsiasi informazione visita la pagina dei contatti

3 COMMENTI

  1. Complimenti a Christian sei molto bravo e paziente.
    Ti vorrei chiedere gli accordi per Nessun dorma in Re
    Grazie

  2. come faccio poer richiedere uno spoartito di mio gradimento? c’è la possibilita di richiederlo? altrimenti non mi inrteressa il sito grazie

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here