Home Articoli Nino Rota, Due Valzer sul nome BACH (Schott Music)

Nino Rota, Due Valzer sul nome BACH (Schott Music)

0
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Nino Rota, Due Valzer sul nome BACH (Schott Music), 5.0 out of 5 based on 3 ratings

Nino Rota, Due Valzer sul nome BACH (Schott Music)

Non c’è compositore o musicista che non abbia subito il fascino della musica di Bach e che abbia resistito alla tentazione di sfidare l’enigma e la grandezza del Kantor di Eisenach, a volte in maniera celata, sotto la forma di un influsso latente, altre in maniera dichiarata, con omaggi al suo nome o rimandi all’arte bachiana nel metodo, nella forma, come citazione o rielaborazione.

Nino Rota aveva già espresso questa fascinazione con la pubblicazione delle “Variazioni e Fuga nei dodici toni sul nome di Bach” nel 1950, vi ritorna nel 1975 con “Due Valzer sul nome BACH”.

Le due composizioni, I. Circus Valzer: Allegrissimo; II. Valzer carillon: Tempo di valzer viennese, sono strutturate sulle lettere del nome di Bach che nella notazione musicale tedesca corrispondono alle note Si♭ La Do Si♮.

La Schott Music raccoglie le partiture di questi due brani in una pubblicazione la cui prefazione curata da Bruno Moretti introduce alla genesi e alla storia di questi due Valzer.

Si tratta di due composizioni dal carattere molto particolare la cui intenzione si rivela a partire dai rispettivi titoli, quasi circense “Circus Valzer” e più meccanico, quasi estraniante, “Valzer carillon”, che dei fasti della Vienna dei valzer conserva l’andamento tipico.

Federico Fellini, che contemporaneamente stava girando il suo film “Casanova”, trovò che questi Valzer di Rota fossero particolarmente adatti all’ambientazione e al soggetto del film, tanto da introdurli come soggetto principale della colonna sonora dello stesso.

Come ben spiega Bruno Moretti nella sua prefazione: “Mentre nel Circus-Valzer le quattro note del nome “BACH” sono usate nella sequenza originale e sono immediatamente riconoscibili, nel Valzer-Carillon l’elemento è elaborato in molte delle combinazioni possibili…”.

L’acquisto e una preview degli spartiti sono possibili sul sito della Schott Music.

 

Pianosolo consiglia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here