Home Articoli Rita Marcotulli-Israel Varela, Yin and Yang. Live at Venica & Venica Winery...

Rita Marcotulli-Israel Varela, Yin and Yang. Live at Venica & Venica Winery (2019, Cam Jazz)

0
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Rita Marcotulli-Israel Varela, Yin and Yang. Live at Venica & Venica Winery (2019, Cam Jazz), 5.0 out of 5 based on 1 rating

Rita Marcotulli-Israel Varela, Yin and Yang. Live at Venica & Venica Winery (2019, Cam Jazz)

Come ha più volte sottolineato Rita Marcotulli, parlare di generi in musica non ha molto senso, esiste la musica e basta. E in questa registrazione live presso la Cantina Venica & Venica Winery di Dolegna del Collio, la pianista in duo con il batetrista e cantante Israel Varela dimostra tutta la veridicità di questa affermazione. “Yin and Yang”, che esce per i tipi della Cam Jazz per la serie “A night at the Winery“, contiene otto brani, quasi tutti a firma della Marcotulli fatta eccezione per una traccia di Varela e un pezzo di Lokua Kanza e Vander Lee, in cui parlare di jazz risulta riduttivo per esprimere il più cangiante e multiforme universo sonoro rappresentato.

Di universo si parla del resto quando citiamo i principi dello Yin e dello Yang, gli opposti da cui l’energia e la vita scaturiscono, la notte e il giorno, la luna e il sole, il buio e la luce, il femminile e il maschile, una diversità che è però stretta complementarietà, così come quella dei due artisti che in queste otto tracce mostrano come da una profonda connessione possa mettersi in moto un processo creativo che conduce alla bellezza.

A dominare questa registrazione è indubbiamente la passione che entrambi i musicisti nutrono per il ritmo, cardine imprescindibile del linguaggio musicale in genere e che qui diventa fulcro della creazione, spazio che apre ad innesti melodici sia con il pianoforte che attraverso gli interventi vocali di Varela.

“Heliopolis” apre l’album porgendoci un esempio di totale osmosi sonora tra la batteria di Varela, il pianismo fluido e naturale di Rita Marcotulli, e di nuovo l’intervento, questa volta vocale, del batterista, a creare un pezzo dalle atmosfere cangianti, ritmicamente molto pronunciato e al contempo melodico. La voce di Varela riappare in “Everything Is Not”, a seguire la linea tracciata dal pianoforte che contemporaneamente puntella ritmicamente il pezzo.

La libertà sembra l’ingrediente principale di questa ricetta perfetta in cui tutti gli elementi sono bilanciati in un equilibrio tanto più sorprendente quanto più segnato proprio dal principio dell’equanime gioco delle parti. La sperimentazione sonora del duo talvolta si spinge in un oltre che però non è mai pura astrazione, costruisce, modella e contiene la forma pur nella succitata libertà espressiva, esprime esuberanza e vitalità tangibili.

La musica di “Yin and Yang” è sempre corpo, materia, sostanza concreta che sa di terra, di cielo, ha il sapore di quella umanità vera che proprio da elementi antitetici spesso prende forma, come in “Vou Ver” , pezzo di Lokua Kanza, cantante e compositore originario della Repubblica Democratica del Congo e del brasiliano Vander Lee, in cui la voce di Varela e il pianoforte della Marcotulli disegnano con eleganza e raffinatezza la semplicità di una canzone, o ancora in “L’amore fugge”, pezzo che Rita Marcotulli aveva già pubblicato in “Variazioni su tema”, registrazione del 2011 in trio con Javier Girotto e Luciano Biondini.

“Yin and Yang” è un disco per ritrovare le radici della musica nella sua necessità di comunicare e nella meraviglia delle sue infinite invenzioni, ma anche  per guardare al futuro che siamo certi porterà ancora belle sorprese da parte di questo duo.

Con questo progetto Rita Marcotulli nei prossimi mesi sarà in tour con un quartetto formato dal bassista Michel Benita, il sassofonista britannico Andy Sheppard (vincitore di numerosi British Jazz Awards) e lo stesso Varela.

Rita Marcotulli, dopo numerosi riconoscimenti ottenuti in campo artistico ne ha recentemente ricevuto anche uno istituzionale, l’onorificenza di Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana dal Presidente Mattarella.

Tracklist: 1. Heliopolis; 2. Rappresenta; 3. L’Amore Fugge; 4. Everything Is Not; 5. Koine; 6. Vou Ver; 7. Aria; 8. Yin and Yang

 

Pianosolo consiglia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here