Home Pop Malafemmena Spartito per pianoforte (senza accordi)

Malafemmena Spartito per pianoforte (senza accordi)

11
Malafemmena Spartito per pianoforte (senza accordi), 5.0 out of 5 based on 315 ratings

 

 

Chi di noi, prima d’ora, non ha mai avuto l’occasione di vedere in tv un film con l’indimenticabile Totò? E’ impossibile non conoscerlo, anche se si è giovani: i suoi film, la sua simpatica e tutto ciò che lui ha contribuito a creare sono più che mai attuali.

Malafemmena è la canzone scritta da lui nel 1951 che è stata però cantata e quindi interpretata da numerose persone: il primo fu Antonio Basurto, poi fu lanciata da Mario Abbate ed infine portata al successo da Giacomo Rondinella. L’interpretazione più emozionante, forse solo a mio modesto parere, resta però quella di Claudio Villa, uno dei maestri della musica italiana. E’ particolare ricordare inoltre che nel film Totò, Peppino e…la malafemmina di Camillo Mastrocinque (1956) viene invece interpretata da Teddy Reno.

La canzone è scritta in napoletano; mi ricordo da piccola, teneramente seduta sul divano accanto al mio tanto amato nonno, appassionato e sfegatato fan di Totò. Era difficile per me riuscire a capire le parole del testo e puntualmente mia madre, appassionata delle canzoni napoletane, accorreva in mio soccorso. Parla, chiaramente in termini drammatici, di un amore difficile e controverso per una “malafemmena”, che nella tradizione napoletana è una donna di “malaffare”.

Quante indiscrezioni e chiacchiere si sono mosse in passato su questa canzone! Per un lungo tempo si è creduto che Totò l’avesse scritta per l’attrice Silvana Pampanini, che conobbe sul set di 47 morto che parla,colpevole di aver rifiutato le avances e la proposta di matrimonio che il Principe le aveva fatto. In realtà si scoprì che era dedicata (secondo quanto da lui stesso scritto depositando il testo alla SIAE) alla moglie Diana Bandini Rogliani, perchè era venuta meno ad una promessa che i due coniugi si erano scambiati: erano ufficialmente separati ma condividevano la stessa casa fino al raggiungimento del 18° compleanno della figlia Liliana.

Intanto ti auguro buona visione di questa esecuzione!

video
01:51

Qua trovi la raccolta che contiene lo spartito di Malafemmena.

 

 

Pianosolo consiglia

Articolo precedenteEsercizio n.4 – Duvernoy op.176
Articolo successivo“Sheik Yer Zappa”: nuovo progetto per Stefano Bollani in scena il 23 marzo al Teatro Politeama di Poggibonsi.
Sono un pianista a tempo pieno, laureato a pieni voti all'ISSM "G.Puccini" di Gallarate. Adoro condividere le mie esperienze musicali sul web con articoli e video. Insegno pianoforte a coloro che intendono cominciare questa fantastica avventura.

11 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here