Home Articoli Altro Immerso in Mozart. Roberto Prosseda a proposito della registrazione delle prime sonate.

Immerso in Mozart. Roberto Prosseda a proposito della registrazione delle prime sonate.

0
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Immerso in Mozart. Roberto Prosseda a proposito della registrazione delle prime sonate., 5.0 out of 5 based on 4 ratings
Questo articolo è un contributo di pianostreet.com che pubblichiamo su Pianosolo grazie all’iniziativa di scambio culturale attivata in occasione della Cremona Media Lounge nata in seno a Cremona Mondo Musica 2017.

Piano Street di Op 111 Productions AB è un sito web per pianisti classici, insegnanti di pianoforte, studenti e appassionati di musica per pianoforte.
L’obiettivo è fornire materiale e servizi di altissima qualità nell’ambito della musica classica per pianoforte e per facilitare e ispirare la comunicazione tra persone di tutto il mondo che condividono lo stesso interesse o professione.
Il contenuto del sito web consiste principalmente di spartiti scaricabili (le nostre edizioni di Urtext PS e scansioni di pubblico dominio), registrazioni dei brani di pianoforte classico più comuni, informazioni su compositori e brani, un forum di discussione e il blog contenente il pianoforte correlato notizie e articoli.
Il team dietro Piano Street è composto da pianisti e insegnanti di pianoforte:
Patrick Jovell – Articoli, notizie e social media
Henrik Sandback – produzione di spartiti, registrazioni e moderazione del forum
David Wärn – Scrittura, montaggio di spartiti, registrazioni e social media
Johan Sandback, CEO

Immerso in Mozart. Roberto Prosseda a proposito della registrazione delle prime sonate.

Il pianista italiano Roberto Prosseda ha precedentemente registrato l’opera pianistica completa di Mendelssohn. Ora si è imbarcato in un progetto un po’ meno enciclopedico ma ugualmente ambizioso, cioè la registrazione dell’integrale delle sonate per pianoforte di Mozart. La prima parte, un doppio cd con le Sonate 1-6, è stata registrata all’inizio di quest’anno (2017). A Cremona MondoMusica – Piano Experience, dove Prosseda è artistic advisor, David Wärn di Piano Street ha avuto la possibilità di parlare con lui dei rischi e dei vantaggi di suonare e registrare la musica di Mozart.

Quali somiglianze vedi tra Mendelssohn e Mozart?

Hanno molte cose in comune. Entrambi, Mozart e Mendelssohn, erano grandi pianisti, con un linguaggio pianistico molto trasparente. Non puoi assolutamente barare con la loro musica. Non puoi usare troppo pedale, hai bisogno di suonare sempre con grande chiarezza e con ciò che potrei definire onestà. Se non mantieni l’integrità del fraseggio, dell’espressione, questa musica non funziona.

Entrambi, Mendelssohn e Mozart, sono stati bambini prodigio e le loro opere per pianoforte sono numerose, sebbene entrambi siano morti prima dei 40 anni. Abbiamo un gran numero di composizioni scritte quando erano molto giovani, questo è vero soprattutto per quanto riguarda Mendelssohn.

E quali diresti che siano le principali differenze?

Molte sono le differenze, naturalmente, ma permettimi di dirti quale è stata la differenza principale per me: quando ho registrato l’integrale dell’opera pianistica di Mendelssohn, sono stato il primo a farlo. Ci sono altre, quasi complete, registrazioni – quella di Martin Jones ad esempio – ma queste non includono l’intera produzione di Mendelssohn. Questo perché soltanto fino a pochi anni fa molti brani non erano stati ancora scoperti. Alcuni di questi sono ancora inediti. Così ho sentito la responsabilità di offrire una visione che fosse abbastanza chiara e obiettiva. Certo, cerco sempre di essere naturale e personale nel mio modo di suonare, ma quando ho registrato Mendelssohn sapevo che, per molti di questi, la mia era l’unica registrazione. Questo perché il mio unico scopo era mostrare le intenzioni di Mendelssohn nel modo più fedele ed esatto possibile. In Mozart la situazione è molto diversa. Siamo pieni di registrazioni delle sonate per pianoforte di Mozart. Tutto è già stato scoperto e registrato molte volte. La mia preferita è Lili Kraus, ma ci sono così tante buone registrazioni, da Gieseking ad András Schiff, e la recente registrazione sul fortepiano di Kristian Bezuidenhout … solo per citare alcune delle registrazioni complete.

Significa che il tuo obiettivo era diverso quando hai registrato Mozart?

Sì, doveva essere così! Avevo bisogno di enfatizzare la mia visione di questa musica, di fare qualcosa di un po’ insolito. Ho anche pensato: è davvero importante? Qualcuno ha bisogno di un’altra registrazione di tutte le sonate di Mozart? Probabilmente no! A me che non riuscissi a trovare un approccio unico, interamente valido ma anche molto personale. Mi piace suonare il fortepiano e cercare sempre di approfondire la comprensione dei segni di articolazione di Mozart. Ho anche pensato che sarebbe valsa la pena provare a enfatizzare il lirismo e la forza drammatica di questa musica, specialmente delle prime sei sonate. Queste sono di solito considerate molto ornamentali – decorazioni piuttosto che serie e potenti opere d’arte.

Pensi che fraintendiamo Mozart quando lo consideriamo il modello di raffinata eleganza?

Penso che tu possa avere una musica decorativa che è anche molto forte e profonda. Le due cose non si escludono a vicenda. In Mozart ci sono sempre diversi livelli di lettura – il livello della superficie è spesso qualcosa di molto elegante e raffinato. Ma se vai più a fondo, troverai in questa eleganza molte ambiguità e doppi sensi. C’è anche un sacco di sarcasmo. Quindi, sto cercando di avvicinarmi alle Sonate da quest’altro lato nascosto, che credo sia stato ignorato in molte altre interpretazioni. Per ottenere ciò, ho pensato molto al suono del pianoforte. Stavo cercando un suono che non fosse così, diciamo, standard. Alla fine, ho scelto un Fazioli F 278. È un nuovo strumento, ma è stato accordato in un modo diverso, con un temperamento non equabile. Che naturalmente non è qualcosa di particolarmente nuovo, perché questo era il modo normale di accordare una tastiera.

Potresti gentilmente spiegare il concetto di temperamento non equabile?

All’epoca di Mozart c’erano molti modi diversi di accordare con un temperamento non equabile. Ma il concetto principale era che ogni tasto suonasse con il proprio gusto. Per questo motivo, penso che sia molto importante sentire la “geografia armonica” di queste sonate. In modo che quando ti sposti da Do maggiore a, diciamo, Mi bemolle maggiore, cambi davvero prospettiva. Con la regolazione ineguale del temperamento, questo è molto più facile. Ti fa sentire i cambiamenti armonici molto più profondi e con più intensità. Lo studio di interpretazioni storicamente conosciute mi ha aiutato a trovare la mia strada e mi ha fornito alcuni dei migliori argomenti per registrare ancora un altro insieme di sonate di Mozart. Sto suonando un pianoforte moderno, ma sto anche cercando di riprodurre alcuni effetti ed espressioni che provengono dalla pratica delle esibizioni del periodo, in un modo che non è mai stato fatto prima.

Nelle tue registrazioni, aggiungi un bel po ‘di ornamenti.

 Sì, non faccio mai una ripetizione esattamente allo stesso modo, perché non penso che abbia alcun senso. Non puoi semplicemente copiare e incollare, specialmente quando stai registrando. Non riesco ad immaginare che Mozart suonerebbe la stessa cosa due volte. Anche se non ha annotato tutti gli ornamenti suggeriti, ovviamente dobbiamo eseguirli. Certo, quando fai queste cose devi correre dei rischi. Oggi abbiamo l’idea che dovremmo dare un’immagine perfetta ed esatta dello stesso modo di suonare di Mozart. Questo è ovviamente impossibile – e se suoni solo le note, senza ornamenti o cadenze improvvisate, questo è molto lontano dal suonare di Mozart, sicuro! Preferisco correre i miei rischi, piuttosto che essere troppo al sicuro.

Come pratichi l’abilità di improvvisare un ornamento o una cadenza?

Poiché mi è sempre piaciuto improvvisare, questo non è qualcosa che trovo scomodo o difficile. Certo, merita comunque molta attenzione – vuoi aggiungere cose che siano degne e stilisticamente appropriate. Direi che il mio metodo principale è cercare di immergere la mia creatività nel pensiero di Mozart. Ci sono alcuni pezzi e movimenti che sono molto importanti da studiare in questo senso, per esempio il Rondo K 511 in la minore, o il secondo movimento della Sonata K 332, o la variazione adagio della K 284. Questi sono importanti perché esistono in 2 versioni: una è la versione manoscritta, che è senza ornamenti, e poi c’è la versione della prima edizione – che Mozart deve aver approvato – in cui è scritto l’ornamento. Questa è una grande opportunità per studiare esattamente come veniva usata l’ornamentazione all’epoca. Provo ad applicare gli stessi concetti ad altri movimenti. Devi anche capire con esattezza quali parti puoi suonare con e quali parti devono rimanere uguali, altrimenti perderai il senso della struttura.

Puoi solo improvvisare cadenze in posti molto particolari: prima della ripresa, per esempio, o in alcuni punti di fermata che sono chiaramente vuoti se non fai nulla. Ma ancora, se fai troppo, rovinerà il resto.

Prima di registrare le sonate, ho anche studiato molte altre registrazioni: non per copiare o rubare idee, ma piuttosto verificare se le mie idee fossero completamente originali. So che molti pianisti sono molto cauti nell’ascoltare gli altri, ma penso che sia un buon modo per essere più consapevole di quello che sto facendo. Ho trovato molto interessante vedere come altri, pianisti e fortepianisti, stanno affrontando tutti questi problemi.

Per la maggior parte dei pianisti, l’accordatura su un temperamento non equabile sarebbe poco pratica, e ben pochi avranno la possibilità di suonare un Fazioli selezionato con cura, estremamente sensibile al tocco … Qual è la cosa più importante su cui concentrarsi per rendere la musica per pianoforte di Mozart interessante e viva in circostanze più “ordinarie”?

Direi che la cosa più importante in generale è avere un’idea chiara prima di suonare. Anche il temperamento non equabile o la risposta del pianoforte è una conseguenza della tua stessa idea. Oggi molti musicisti non ci pensano abbastanza. Prima suonano e poi, in base a ciò che viene fuori, regolano il loro modo di suonare. E sarà sempre un aggiustamento.

Penso che la cosa migliore sia concentrarsi su un’idea molto chiara del pezzo: un’idea del dramma della musica. Devi scoprire i diversi personaggi, allo stesso modo di un regista o sceneggiatore. Quando interpreto un brano musicale, mi sento come se fossi uno sceneggiatore, un regista, molti attori e anche un direttore della fotografia! Perché al pianoforte puoi anche lavorare con la profondità di campo: puoi scegliere ciò che è a fuoco e ciò che è in background. Tutto questo lo devi gestire con solo due mani, su un solo piano. È una sfida impegnativa, ma penso che sia essenziale provare tutte queste diverse prospettive – che formiamo un’idea esatta e focalizzata del dramma della musica, al fine di ottenere una chiara “messa in scena” dei pezzi. In breve, pensiamo prima di suonare.

Nel 2014, Roberto Prosseda ha completato il suo progetto decennale di registrazione delle opere pianistiche complete di Mendelssohn, incluse alcune anteprime mondiali. Divulgatore attivo della musica italiana, Prosseda ha anche registrato le opere pianistiche complete di Petrassi e Dallapiccola. I suoi album hanno ottenuto molti consensi dalla stampa, tra cui il CHOC di Le Monde de la Musique Classique, il Diapason d’Or e il CD di musica da camera del mese nella rivista britannica Classic FM. Prosseda ha anche dato concerti sul pedalpiano, riscoprendo composizioni originali di Schumann, Liszt e Alkan. Ha scritto il libro “Il pianoforte. Una guida all’ascolto della musica per pianoforte “, e ha realizzato tre documentari dedicati a Mendelssohn, Chopin e Liszt.

 

 

Pianosolo consiglia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here