Home Articoli Il pedale tonale o centrale nel pianoforte a coda e nel verticale

Il pedale tonale o centrale nel pianoforte a coda e nel verticale

0
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI

Il pedale centrale nel pianoforte a coda è il pedale tonale, mentre nel pianoforte verticale è la sordina.

video

Il pedale centrale nel pianoforte verticale

La sordina del verticale attutisce il suono, il che, essendo uno strumento utilizzato per lo più in appartamento per motivi studio, crea un minore disturbo al vicinato. In alcuni pianoforti verticali una scanalatura permette di incastrare e fissare questo pedale così da non doverlo tenere sempre premuto e mantenere costante l’effetto sordina.

All’interno del pianoforte, quando azioniamo il pedale centrale attraverso un sistema di leve si abbassa una sorta di drappo in feltro che si va a frapporre tra il martelletto e la corda. Il martelletto dunque toccherà una corda il cui suono viene attutito dalla sordina.

Il pedale tonale nel pianoforte a coda

Cosa accade all’interno del pianoforte quando utilizziamo il pedale tonale? A differenza di quando accade con il pedale di risonanza, azionando il pedale tonale dopo aver suonato alcune note soltanto gli smorzatori corrispondenti ai tasti di quelle note rimangono sollevati, anche se rilasciamo i tasti, consentendo a quelle corde di restare in vibrazione.

Questo pedale si usa raramente, ma serve in tutti quei casi in cui la partitura proponga passaggi molto difficili in cui spostarsi sulla tastiera sembra impossibile.

Come si usa il pedale tonale

Il pedale tonale si aziona con il piede sinistro, sempre appoggiando il tallone a terra e premendo il pedale all’altezza dell’articolazione delle dita.

Occorre suonare la nota che si desidera prolungare e abbassare successivamente il pedale tonale mentre si tiene premito anche il tasto per poi rilasciare il tasto e suonare il resto.

Un esempio di uso del pedale tonale potrebbe essere il Preludio op.3 n.2 di Rachmaninov, dove ci sono delle note lunghe nei bassi. Naturalmente va usato con molta attenzione anche nella tempistica, perché in un contesto come quello di questo preludio il rischio è di saturare le sonorità.

Se hai dubbi o domande non esitare a commentare. Per altre video lezioni visita Pianosolo Maestro.

Pianosolo consiglia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here