Home Articoli Gli indispensabili per pianoforte in un e book di Luca Ciammarughi

Gli indispensabili per pianoforte in un e book di Luca Ciammarughi

2
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Gli indispensabili per pianoforte in un e book di Luca Ciammarughi, 5.0 out of 5 based on 1 rating

Il pianoforte vanta una letteratura pianistica molto ampia, migliaia di composizioni che la critica di tutti i tempi o i semplici appassionati ascoltatori hanno definito secondo personali canoni di bellezza, ma quali, di queste composizioni, sono veramente indispensabili all’ascolto? E in che accezione intendiamo la parola “indispensabili”?

A dare una risposta a questo non facile quesito interviene Luca Ciammarughi, musicologo, pianista, scrittore e conduttore radiofonico, che pubblica in formato digitale per Ponte alle Grazie un prezioso compendio dedicato all’argomento.

Gli indispensabili. 30 capolavori per pianoforte da ascoltare almeno una volta nella vita” è un ebook che Ciammarughi scrive durante il lockdown e che nasce dietro richiesta del compianto editore Luigi Spagnol, a cui l’opera è dedicata, facendo seguito a una rubrica dedicata ai vinili che l’autore ha tenuto sui social durante la quarantena.

Ciammarughi seleziona 30 opere secondo due criteri: il primo, soggettivo, legato al gusto personale, il secondo, oggettivo, legato a quella che Ciammarughi definisce storia del pensiero, relativo dunque al peso che queste composizioni hanno esercitato nel contesto dell’evoluzione dello stesso repertorio nel tempo.

L’aggettivo “indispensabile” è di volta in volta motivato accuratamente da Ciammarughi.

Il viaggio attraverso la letteratura pianistica parte dal barocco e attraversa il periodo classico, passando poi per il romanticismo e l’impressionismo fino ad approdare ai giorni nostri, dalle sonate di Clementi a quelle beethoveniane, dai concerti per pianoforte e orchestra di Mozart agli Studi e Notturni di Chopin. Ciammarughi elenca tra i capolavori anche alcune opere clavicembalistiche di Rameau e Couperin, così come gli Studi di Ligeti o la Sonata di Berg.

Per ogni opera, di cui si esamina la genesi, il contesto in cui nasce, la posizione che occupa nella produzione generale del compositore, è segnalata anche una registrazione che tra tutte esalta e valorizza la musica che veicola e qui troviamo davvero una parata di grandi interpreti come Richter, Schnabel, Weissenberg, solo per citarne alcuni, ma anche giovani pianisti, come Alessandro Deljavan per gli Studi di Chopin.

Un libro che non può essere disgiunto dall’ascolto delle opere menzionate, opere da scoprire o riscoprire delle quali, grazie alla penna e all’acuta analisi di Luca Ciammarughi possiamo intravedere alcuni punti poco illuminati da precedenti ascolti e coglierne la bellezza.

La lettura è fruibile dal grande pubblico, sia dagli esperti che da coloro che desiderano avvicinarsi alla musica per pianoforte e necessitano di una bussola per orientarsi nel folto repertorio per lo strumento, comprenderne la storia.

“L’ascolto musicale non è una scienza. Una componente soggettiva è inevitabile” afferma l’autore nella prefazione, dunque ognuno potrà creare la sua playlist personale.

Link per l’acquisto del libro.

 

Pianosolo consiglia

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here