Home Padova Jazz Festival 2019

    Padova Jazz Festival 2019

    0
    GD Star Rating
    loading...
    #_LOCATIONMAP

    Data - 25 Ottobre 2019 - 23 Novembre 2019
    Ora: Tutto il giorno

    Categorie


    Padova Jazz Festival 2019, 5.0 out of 5 based on 1 rating

    Padova Jazz Festival 2019

    Edizione numero ventidue per il Padova Jazz Festival (direzione artistica Gabriella Piccolo Casiraghi) che quest’anno sottotitola piano edition per l’attenzione particolare riservata nella programmazione al pianoforte e agli artisti che lo hanno scelto come strumento a cui affidare la propria voce.

    Il festival apre il 25 ottobre con la performance della cantante Vanessa Tagliabue Yorke. Con lei in scena Francesco Bearzatti (clarinetto), Mauro Ottolini (trombone) e Paolo Birro (pianoforte).

    Tra gli artisti in cartellone: James Brandon Lewis – “An UnRuly Quintet”, Raphael Gualazzi, Maistah Aphrica, Yotam Silberstein Quartet, María Grand Trio, Mafalda Minnozzi, Kenny Barron, Aaron Diehl Trio, Monty Alexander, Vijay Iyer e molti altri.

    In calendario anche eventi editoriali con la presentazione di volumi come History of European Jazz (Relatore: Francesco Martinelli. Introduce Stefano Merighi), Jazz area di Roberto Masotti (Relatore: Roberto Masotti. Introduce Stefano Merighi) e Mister Jelly Roll. Vita, fortune e disavventure di Jelly Roll Morton, creolo di New Orleans, “Inventore del Jazz” di Alan Lomax (Relatore: Claudio Sessa. Introduce Stefano Merighi).

    Sarà inoltre possibile visitare le mostre fotografiche presso le Scuderie di Palazzo Moroni “Le strade del jazz” e “The Black Square” di Roberto Cifarelli ed assistere alla proiezione di Milford Graves: Full Mantis (USA, 2018), film documentario diretto da Jake Meginsky e Neil Young e dedicato a un batterista che ha indelebilmente legato il proprio nome al jazz avanguardistico degli anni Sessanta.

    Info, programma dettagliato e biglietti sul sito del Padova Jazz Festival.

    Pianosolo consiglia

    Articolo precedenteBologna Jazz Festival 2019
    Articolo successivoAngela Hewitt. Odissea Bach: Suite inglesi

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here