Home Articoli Concerti Elegy for the Arctic – Ludovico Einaudi – Spartito

Elegy for the Arctic – Ludovico Einaudi – Spartito

0

Con un pianoforte a coda su una piattaforma galleggiante, il 17 giugno 2016 sullo sfondo del ghiacciaio Wahlenbergbreen (nelle Svalbard, Norvegia), Ludovico Einaudi ha eseguito un pezzo originale intitolato “Elegy for the Arctic”. Il brano meditativo e malinconico, è un componimento di carattere sentimentale che va a toccare il rapporto profondo e fragile dell’uomo con la natura. Ludovico Einaudi dà voce con la sua musica  alle più di otto milioni di persone che chiedono la protezione dell’Artico, in una lotta contro il tempo.

La nostra intepreptazione:

L’esecuzione di Ludovico Einaudi:

Il brano “Elegy for the Arctic” può essere studiato da tutti coloro che suonano il piano da almeno 1-2 anni.

Le principali difficoltà tecniche che potrai incontrare sono

  • la legatura di frase delle doppie seste
  • le legature di valore
  • la diteggiatura nella scala ascendente a metà del brano
  • errori di distrazione per l’esecuzione di frasi musicali apparentemente simili

Legatura di frase per doppie note per sesta

Per legare le doppie seste si intende legare almeno le note superiori dei due bicordi. Per impratichirsi consiglio di suonare legato esclusivamente le note superiori e poi aggiungere le note inferiori.

Legatura di valore

Molto spesso alla mano sinistra alcune note rimangono legate per ben 5 battute. Attenzione quindi a non premere più volte una nota che in realtà va tenuta premuta per molto tempo. Consiglio di leggere lo spartito e con una matita segnare eventuali legature di valore che sono sfuggite in lettura.

Diteggiatura nella scala ascendente

La diteggiatura da utilizzare è quasi completamente quella della scala di LAb maggiore, che può essere modificata nelle prime battute in cui si esegue solo la scala spezzata (vedi la diteggiatura per esempio della prima nota). Allego un’idea:

Come stare focalizzati e concentrati

Farei particolare attenzione alla prima nota della mano destra (nelle ripetizioni) e al basso, in quanto va a toccare note molto profonde difficili da leggere a primissima vista. A volte un’apparente ripetizione della mano destra utilizza un basso diverso. Per cui attenzione, non dare niente per scontato.


Elegy For The Arctic by LudovicoEinaudi98

A seguire la mia esecuzione.

 

Se vuoi altri tutorial sui brani storici di Ludovico Einaudi ti consiglio il nostro pacchetto di lezioni premium EINAUDI THE BEST OFF.

Pianosolo consiglia

Articolo precedenteUnderneath. Pietro Paris per il suo disco d’esordio sceglie la profondità
Articolo successivoUna mattina – Ludovico Einaudi – Spartito
Marketing manager e Webmaster di Pianosolo.it, suono il pianoforte da quando avevo 11 anni. Amo la musica e la tecnologia. Per qualsiasi informazione visita la pagina dei contatti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here