Home Intermedio Corso di pianoforte moderno – 6.3 Power Chord

Corso di pianoforte moderno – 6.3 Power Chord

0
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI

Un power chord o powerchord (in inglese, letteralmente, “accordo potente“), altro non è che un bicordo, ovvero un accordo composto solamente da due note: la nota fondamentale (che è quella che dà il nome al power chord) e la nota che dista ad un intervallo di V giusta. Talvolta, per rendere il suono più corposo è possibile anche aggiungere l’ottavo grado che altro non è che il suono fondamentale all’ottava successiva.

Viene anche chiamato accordo di quinta (non a caso questi accordi vengono scritti come Do5, Fa5, Sib5 ecc…), per via dell’intervallo di quinta giusta.

Guardiamo insieme un esempio: il power chord Fa5, dove Fa è la fondamentale, è composto da Fa e da Do, dove Do è la quinta. Se si volesse rendere il suono più corposo di può raddoppiare il Fa all’ottava successiva.

    La caratteristica principale di quest’accordo è quello di non essere né maggiore né minore poiché manca la terza al suo interno.

    Tutti gli articoli della serie

    1. Corso di pianoforte moderno - Presentazione
    2. Corso di pianoforte moderno – 1.1 La partitura di musica moderna
    3. Corso di pianoforte moderno - 1.2 I simboli della musica moderna
    4. Corso di pianoforte moderno – 1.3 Gli accordi scritti in sigla e loro durate
    5. Corso di pianoforte moderno – 1.4 La notazione musicale anglosassone
    6. Corso di pianoforte moderno – 2.1 Differenza fra Melodia e Armonia
    7. Corso di pianoforte moderno – 2.2 Le Distanze e gli Intervalli sul Pianoforte
    8. Corso di pianoforte moderno – 2.3 Accordi maggiori: come si formano
    9. Corso di pianoforte moderno – 2.4 Accordi minori: come si formano
    10. Corso di pianoforte moderno – 2.5 Accordi diminuiti: come si formano
    11. Corso di pianoforte moderno – 2.6 Accordi aumentati: come si formano
    12. Corso di pianoforte moderno - 2.7 Riconoscimento degli accordi
    13. Corso di pianoforte moderno - 3.1 Esecuzione di “Oh Susanna”
    14. Corso di pianoforte moderno - 3.2 Esecuzione di “When the Saints go marching in”
    15. Corso di pianoforte moderno - 4.1 Differenze fra accordi e arpeggi
    16. Corso di pianoforte moderno - 4.2 Arpeggi semplici
    17. Corso di pianoforte moderno - 4.3 Arpeggi complessi
    18. Corso di pianoforte moderno - 4.5 Arpeggi in tempo ternario
    19. Corso di pianoforte moderno - 4.4 Arpeggi in tempo binario
    20. Corso di pianoforte moderno - 4.6 Esecuzione di “Oh Susanna con arpeggi”
    21. Corso di pianoforte moderno - 4.7 Esecuzione di “When the Saints go marching in”
    22. Corso di pianoforte moderno - 5.1 Perché i rivolti
    23. Corso di pianoforte moderno - 5.2 Quando usare i rivolti
    24. Corso di pianoforte moderno - 5.3 Collegare i rivolti
    25. Corso di pianoforte moderno - 5.4 Esercizi per il collegamento dei rivolti
    26. Corso di pianoforte moderno - 5.5 Esecuzione “When the Saints go marching in” con l’uso dei rivolti
    27. Corso di pianoforte moderno - 6.1 Accordi di Sus
    28. Corso di pianoforte moderno - 6.2 Accordi di Sesta
    29. Corso di pianoforte moderno - 6.3 Power Chord (This post)
    30. Corso di pianoforte moderno - 6.4 Accordi di settima
    31. Corso di pianoforte moderno - 6.5 Accordi di nona
    32. Corso di pianoforte moderno - 6.6 Accordi con Basso Diverso
    33. Corso di pianoforte moderno - 7.1 Suddividere gli accordi su due mani
    34. Corso di pianoforte moderno - 7.2 Suonare gli accordi con basso diverso solo con la mano sinistra
    35. Corso di pianoforte moderno - 7.3 Due modi di suonare: solista o accompagnamento
    36. Corso di pianoforte moderno - 8.1 Spartiti di musica moderna
    37. Corso di pianoforte moderno - 8.2 Collegare gli accordi tramite rivolti della canzone “Il mio canto libero”

    Pianosolo consiglia

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here