Home Classica Corso preparatorio allo studio del pianoforte – 5. Individuare i tasti

Corso preparatorio allo studio del pianoforte – 5. Individuare i tasti

0

Benvenuto nella quinta lezione del corso introduttivo allo studio del pianoforte.

In questa lezione imparerai a riconoscere ed individuare le note sulla tastiera del pianoforte.

Come riconoscere le note do, re, mi, fa, sol, la, si e le relative alterazioni # e bemolli sul piano. Semplificando molto, quali tasti premere per far emettere allo strumento le note scelte.

riconoscere le note

Per imparare a individuare le note sulla tastiera esistono diversi metodi che possiamo classificare in metodi accademici e quelli non accademici, utilizzati spesso con i bambini.

In questo articolo parleremo del principale metodo accademico: si parte dal do centrale e si sale o si scende sulla base della conoscenza della scala musicale. Poco chiaro? Tutti sappiamo a memoria la scala musicale di do maggiore: Do, Re, Mi, Fa, Sol, La, Si.

Tutti i tasti bianchi corrispondono ad una nota della scala musicale, anche nell’ordine di successione.

Partendo dal do centrale, si sale di un tasto bianco e si va al re, si sale di un altro tasto bianco e si va al mi e così via fino al si. Il tasto successivo al si, sarà di nuovo un Do e da questo punto ripartirà di nuovo la scala. Questo è il metodo basato sulla scala ascendente.

La scala, infatti, si sviluppa su tutte le 88 note per cui questa ripetizione avviene su tutta la tastiera del pianoforte.

Alla domanda “Se ho 88 tasti e solo 7 note musicali, come faccio a dare un nome ad ogni tasto??”, poiché le note sui tasti bianchi si ripetono a gruppi di 7, per determinare le note ad un’altezza diversa si usa l’espediente numerico da porre accanto alla nota: es. il do centrale è do3 (o C4 in inglese), il do un’ottava sopra do4 e così via.

Come riconoscere il Do?

Il Do apparentemente sembra un tasto bianco simile agli altri. In realtà per distinguerlo dalle altre note e riconoscerlo esiste un trucchetto, ovvero guardare i tasti neri del pianoforte. Come avrai notato i tasti neri sono raggruppati a due e tre note, in uno schema che si ripete. Il Do è proprio quella nota che si trova alla sinistra del gruppo dei due tasti neri. Ed è sempre così.

Conoscendo il Do, sarà quindi possibile ricavare la posizione delle altre note.

Riconoscere il Do centrale

Per riconoscere il Do centrale dobbiamo capire innanzitutto quanti tasti ha il nostro pianoforte. Alcune tastiere, infatti, hanno 88, 76, 61, 49, 37 e 25 tasti.

Il Do centrale, ad occhio, è quello che sta in mezzo alla tastiera. Alcuni piccoli escamotage però possono darci ulteriori conferme:

guardare il buco della serratura sotto alla tastiera (alcuni pianoforti lo hanno)

  • guardare la posizione della marca del pianoforte, in genere scritta proprio al centro della tastiera
  • utilizzare un’app per il riconoscimento delle note che ci dirà se quella nota eseguita è proprio il do centrale

Questi sono piccoli trucchi, di cui piano piano non avrai più bisogno perché lo riconoscerai al volo, anche ad orecchio.

I nomi dei tasti Neri

ottava al pianoforte

Ripetiamo questo importante concetto: i tasti neri sono divisi in gruppi di due e di tre. Essi prendono il nome del tasto precedente o successivo, in base all’alterazione che viene posta sulla nota. Hanno quindi un doppio nome, in base all’alterazione che li genera. Mi spiego meglio. Il primo tasto nero può essere chiamato sia come do# (ovvero il do con un semitono in più) oppure Reb (ovvero come un re con un semitono in meno).

Nel gruppo dei tre tasti neri, il primo tasto nero sarà quindi Fa# o Solb. il secondo Sol# o Lab e così via.

Come riconoscere più velocemente le note

Per riconoscere le note consiglio di esercitarsi con uno spartito di media difficoltà, in cui andare a riconoscere le note una per una. Inizialmente potrà occorrere molto tempo, ma dopo qualche giorno di esercitazione vedrai dei risultati stupefacenti. La tua mente sarà in grado di riconoscere quasi istantaneamente le note sul pianoforte.

Da oggi puoi impratichirti con un tool online, che ti aiuterà proprio nella determinazione delle note.

Pianosolo consiglia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here