Home Intermedio Consigli per suonare in pubblico senza ansia

Consigli per suonare in pubblico senza ansia

1
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI

L’ansia da prestazione è un problema tipico nei musicisti. L’idea di suonare da solo davanti a tante persone è così terrorizzante da costringere qualcuno a smettere di fare quello che più ama (cioè suonare).

È un vero peccato se dovesse accadere qualcosa del genere, no? Motivo per cui oggi ti darò qualche semplice dritta che potrai mettere subito in atto affinché tu possa iniziare a trarne subito giovamento.

3 Consigli per Suonare in Pubblico

Partiamo dunque col consiglio n.1

Inizia a sviluppare l’oggettività

Quante volte ti sarai ritrovato a suonare davanti qualcuno e di rendere molto meno rispetto a quando sei da solo?

Colpa dell’ascoltatatore? A volte sì, ma il più delle volte la colpa è tua. Non riesci ad essere oggettivo tra l’esecuzione che compi fra le tue mura e quella che compi davanti a qualcuno.

Spesso e volentieri si tratta della stessa qualità ma a cui dai due pesi differenti. Quando sei da solo e commetti qualche errore… lasci passare. Se sei invece in presenza di qualcuno, non ti perdonarei mai quell’errore!

Quindi, cerca di capire se davvero si abbassa la qualità dell’esecuzione quando suoni davanti a qualcuno o se solamente sei tu che dai due pesi diversi alle due situazioni.

Registrati e videoregistrati

È molto importante sfruttare la tecnologia per migliorare. Oggi è possibile registrarsi e videoregistrarsi molto facilmente grazie al nostro Smartphone. Grazie alla registrazione noi possiamo ascoltarci come ci ascoltano gli altri.

Perché dico così?

Perché quando suoniamo non riusciamo ad ascoltarci come lo fanno gli altri. Siamo troppo impegnati nel ricordarci le note, la diteggiatura, l’interpretazione, il pedale e tanto altro che non c’è spazio anche per l’ascolto!

Per questa ragione, per iniziare a sviluppare l’oggettività e fornirti in autonomia dei buoni feedback, hai bisogno di registrarti.

In più, la registrazione e la videoregistrazione ti aiutano a simulare l’effetto del pubblico. Prova a piazzare di fianco a te lo smartphone, premi “rec” e istantaneamente ti sembrerà di avere un pubblico di 200 persone che ti stia ascoltando e inizierai quasi a tremare! È pazzesco il potere della videocamera!

Se è un’esperienza troppo scioccante, puoi partire solo con la registrazione audio. Registrati giorno dopo giorno. In questo modo allenerai l’orecchio ad un ascolto oggettivo e imparerai a suonare sotto stress.

La regola del 120%

Chicca delle chicche… la regola del 120%! Sì, stai proprio leggendo le parole dell’inventore di questa regola! Eheh.

Con 120% intendo che il brano che vuoi suonare in pubblico devi conoscerlo al 120% perché si sa che l’esecuzione pubblica ti toglierà un buon 30% di sicurezza. Se sarai più che pronto, allora farai un’ottima esecuzione.

Immagina invece di fare un’esecuzione pubblica con una preparazione pari al 90%… significherà rendere appena il 60%. Non puoi permettertelo!

Ecco perché consiglio sempre di avere un buon margine di sicurezza sul brano che intendi suonare in pubblico.

Per suonare in pubblico non intendo solamente i concerti in grandi e maestosi teatri, ma anche una suonata per un amico, oppure una prova di un pianoforte in un negozio di strumenti musicali.

Che tu sia un professionista o no, ti capiterà sempre l’occasione di suonare in pubblico e in quel caso… è meglio che tu ti faccia trovare preparato!

Pianosolo consiglia

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here