Home Classica Cesi Marciano n.27 – Improvviso Op.108 no.3 – G. Rinaldi

Cesi Marciano n.27 – Improvviso Op.108 no.3 – G. Rinaldi

0

Cesi Marciano n.27 – Improvviso Op.108 no.3 – G. Rinaldi

Tonalità: Questo pezzo si dispiega in La minore, il che significa che non ci sono alterazioni fisse. Tuttavia, occorre prestare particolare attenzione alle numerose alterazioni accidentali sparse per il brano.

Tempo: Il brano è in 2/4, con un ritmo “Allegretto vivo”, piuttosto veloce. Questo pezzo rappresenta un passo verso il virtuosismo ed è l’esame finale per gli studenti prima di passare al secondo volume del Cesi Marciano. La padronanza di questo brano e dell’ultimo del secondo volume, entrambi molto vivaci, segna un significativo progresso nell’apprendimento.

Posizione delle mani: Il brano inizia con un alternarsi delle mani. La mano sinistra comincia con La3 e il Do centrale, seguita dalla mano destra che suona le note Mi e Fa dell’ottava centrale. Non ci sono grandi salti e le mani rimangono quasi sempre alla stessa altezza. Sii attento ai frequenti cambi di diteggiatura.

A partire dalla battuta 10, le mani cominciano a suonare insieme, e poi, alla battuta 17, si inverte il ruolo delle mani: la sinistra diventa la voce principale mentre la destra accompagna.

Nella quartultima battuta, benché sia possibile suonarla con una sola mano, ti consiglio di utilizzare entrambe per mantenere la continuità e il tocco che hai adottato per tutto il brano.

Pianosolo consiglia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here