Home Classica Cesi – Marciano n.21 – Sonatina in Sol – Ludwig van Beethoven

Cesi – Marciano n.21 – Sonatina in Sol – Ludwig van Beethoven

14

Cesi – Marciano n.21 – Sonatina in Sol – Ludwig van Beethoven

Tonalità: La tonalità di questo brano è in Sol maggiore, caratterizzata dalla presenza di una alterazione fissa: ogni nota di Fa incontrata nello spartito sarà un Fa diesis (#).

Tempo: Il ritmo è in 4/4, spesso rappresentato dalla lettera “C”. Questo indica la necessità di contare fino a 4 in ogni misura, senza variazioni di tempo nel corso del brano.

Posizione delle mani: Inizialmente, la mano destra poggia il pollice su Sol4, mentre l’indice e l’anulare della mano sinistra si trovano su Si3 e Sol3. Questa posizione cambia frequentemente. Ad esempio, nella battuta 9, la mano destra posiziona il pollice su La4 e la sinistra il medio su Fa#3. Alla battuta 17, le mani tornano alla posizione iniziale, mentre alla battuta 27, la destra posiziona il dito 4 su Re4 e la sinistra il 5 su Re3. Nella sezione della romanza, la mano destra inizia con il dito 3 su Si4, e la sinistra con il 5 su Do3. Anche qui, le posizioni cambiano spesso, quindi è consigliabile leggere attentamente ogni nota anziché affidarsi solo alla diteggiatura.

Per la diteggiatura, si noti che già dalla seconda battuta ci sono note legate a coppie che richiedono un particolare uso della diteggiatura per massimizzare l’effetto, un passaggio che si ripete anche alla battuta 18. Alla battuta 25, la mano destra suona tre volte il Re, e qui si consiglia di cambiare dito sullo stesso tasto come indicato nella diteggiatura, un suggerimento valido anche per la battuta 29.

Per quanto riguarda la mano sinistra, la prima battuta richiede un legato preciso, con diteggiature 2-4 e 1-5, che poi si evolve nuovamente in 2-4.

Attenzione a…: Presta attenzione alle acciaccature presenti nel brano, che devono essere eseguite il più rapidamente possibile. Quando incontri note legate a coppie, la mano deve essere sollevata al termine di ogni coppia di note (battute 2, 7, 18, 23). Nella romanza, l’accompagnamento della mano sinistra si compone di una nota singola seguita da due note doppie, dove le prime due note sono legate, mentre la terza è quasi staccata. Nella battuta 4, l’accompagnamento della sinistra cambia in una semiminima puntata seguita da due crome, richiedendo attenzione alla durata della prima nota.

Nella battuta 19 della romanza, gli accordi della mano sinistra sono accompagnati da simboli di arpeggio, indicando che le note devono essere suonate in successione anziché contemporaneamente. Nella battuta 21, una corona con un puntino al suo interno (la corona) ti permette di prolungare a piacimento la durata della nota su cui è posta.

Pianosolo consiglia

14 COMMENTI

  1. Ciao a tutti, segnalo che il problema dil video “privato” permane tutt’ora!
    Vi prego sistematelo, le vostre lezioni sono troppo iportanti per noi pianisti imberbi!
    Grazie
    C.

  2. hahahah Christian mi fai morire xD , ed io pure con superficialità ho pensato va be dai non è così difficile xD me no male che la vedo con quest’ottica ahahahah, penso che sono stato l’unico a non spaventarmi e l’unica cosa che ho pensato è stata be per questo credo che ci vorra’ un po di piu’ degli altri ma è fattibile xD

  3. Aiuto, che pauraaa!!! Subito ho pensato: avrà sbagliato Christian, oppure sono stati Cesi e Marciano a classificar male il pezzo… hahaha Direi che sei pienamente riuscito nel tuo intento di spaventare il povero allievo!!

  4. Ciao sono Clarissa, ho 12 anni e suono da 2 anni il pianoforte.
    per il saggio di qust'anno la mia insegnante di musica mi ha fatto suonare il brano numero 12 di Muller del Cesi Marciano.
    potresti darmi dei consigli per riuscire a suonarla bene?
    AH!!! comunque questo brano sarà il prossimo che studierò per le vacanze estive!!!!!
    Grazie!! CIAO!!!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here