Home Classica Bach – Invenzioni a due voci n.2 Lezione 303

Bach – Invenzioni a due voci n.2 Lezione 303

5
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Bach – Invenzioni a due voci n.2 Lezione 303, 5.0 out of 5 based on 286 ratings

    Poveri noi, piccoli pianisti che con il poco talento che madre natura ci ha donato siamo costretti a sudare sette camicie di fronte a cotanta bravura e maestria. Sopratutto quando l’invenzione a due voci è in Dominore, e le alterazioni in chiave si fanno 3 (sib,mib,lab). La difficoltà tecnica infatti è leggermente superiore a quella dell’invenzione n.1, proprio per la tonalità, ma non solo: mano sinistra e mano destra qua lavorano senza iterruzioni tra mille mordenti.

    Io la sto studiando proprio adesso e come per l’altra invenzione sto trovando le seguenti difficoltà: quando vado ad unire le due mani, anche se le ho studiate separatamente, faccio una fatica tremenda. Credo sia normale, serve solo tempo e dedizione. Posso dirvi che studiandola un ora al giorno, in una settimana ne ho fatto metà…

    L’unica consolazione è che sebbene sia dichiarato come un allegro moderato, in realtà, va suonato molto più lentamente. Infatti nella mia versione RICORDI, il tempo non è un allegro moderato (purtroppo ora non ce l’ho sottomano).

    Se qualcuno come me la sta studiando e vuole dare qualche consiglio, faccia pure. Spero di non essere il solo ad affrontare il caro e temibile Bach.

    Buono studio

    Tutti gli articoli della serie

    1. Introduzione alle Invenzioni a due voci di Bach Lezione n.301
    2. Bach – Invenzioni a due voci la n.1 Lezione n.302
    3. Bach – Invenzioni a due voci n.2 Lezione 303 (This post)

    Pianosolo consiglia

    5 COMMENTI

    1. Ciao! Anche io sto studiando questo brano, più battute imparo e più mi rendo conto della bellezza di questo pezzo.
      Anche io ho riscontrato delle difficoltà: fatte alcune battute a mani separate ma al momento di suonare con entrambe le mani…aiuto!!!
      Dopo due giorni di tentativi andati a vuoto ho chiesto aiuto al mio insegnante di pianoforte che mi ha detto “in genere va bene studiare a mani separate e poi unire il tutto ma con Bach non non basta: non si tratta di voce e accompagnamento con accordi, si tratta di due voci distinte e separate che si intrecciano, e per fare combaciare ciò bisogna approcciarsi allo studio in maniera un po’ diversa…”, detto questo mi ha spiegato come studiare adottando una lettura “verticale” del brano: soffermarsi molto, molto lentamente, pezzettino dopo pezzettino, ripetendo fin quando lo si suona bene e proseguire con un altro pezzettino..battuta per battuta.
      E’ una maniera molto lenta di studiare ma, paradossalmente e con mio grande stupore, la più veloce: si suona senza avere più alcun dubbio su dove mettere le mani. 🙂

      Dopo questa dritta, la sto studiando da sola da due giorni (un’oretta dopo pranzo e una la sera) e sono alla battuta n 10 (altre due e finisco la prima pagina). So soddisfazioni 🙂

    2. Salve,
      studio piano jazz, Bach è stato uno dei primi “jazzisti”, se mi concedete un’eresia. Quante fantastiche applicazioni sono possibili studiando questo autore classico nella musica jazz… e mica a livello base: i più grandi jazzisti hanno Bach nelle dita: Brad Mehldau e Keith Jarrett in primis.
      Quindi grazie JS Bach, cercherò di studiarti più possibile, ma mamma mia quanto è difficile unire le due mani!!!
      Ciao

    3. ciao a tutti i ” colleghi “… noto con piacere che comunque siamo più o meno tutti nella stessa situazione…con bach!! è..pesante..ma è un genio! e secondo me..se sai suonare bach..come si deve IL RESTO ..pur se difficile sembrerà una passeggiata..ma andiamo al dunque!
      per quanto riguarda la parte che dice ” allegro moderato ” io ho un altra versione , non RICORDI , ma è uguale anche li..in ogni caso..non badate a queste indicazioni..va suonato sempre un pò più lento rispetto all’indicazione!
      per quanto riguarda questa invenzione..io..sono arrivata alla 6… vi assicuro..che la 2.. per me.. ( forse perchè ancora è l’inizio delle invenzioni..e di bach ) è la più difficile di queste sei!..l’unica cosa che posso dire per noi COMUNI MORTALI..pazienza..e buonavolontà..sempre studiare a mani separate per almeno un oretta al giorno ..o di più (dipende dalla pazienza anche!) ma comunque sia..con un ritmo così..se è costante..in poco si raggiungono i risultati!
      bene a questo punto vi auguro un buono studio e una
      buona musica a tutti!
      MANUELA

    4. Come suonare il grande Bach … difficile questione! Un consiglio e’ esercitarsi molto a pezzettini, per poi provare a unire questi in sequenze, man mano sempre piu’ lunghe. Ovviamente, ogni tanto (magari all’inizio dello studio quotidiano) rifare il pezzo una mano per volta. Altro consiglio: conoscere bene il pezzo ad orecchio, magari ascoltandolo mentre si legge lo spartito, concentrandosi come se si dovesse suonarlo, come faceva il mitico Glenn Gould.

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here