Home Articoli B.Canino-E.Pieranunzi, Americas (2016 Cam Jazz)

B.Canino-E.Pieranunzi, Americas (2016 Cam Jazz)

0
B.Canino-E.Pieranunzi, Americas (2016 Cam Jazz), 5.0 out of 5 based on 2 ratings

Bruno Canino-Enrico Pieranunzi, Americas (2016 Cam Jazz)

americas-cover

Chi pensa al pianista come a un solitario musicista impegnato in un solipsistico monologo autoreferenziale sbaglia di grosso. L’errata concezione, già ampiamente scardinata da una secolare produzione musicale in cui il pianoforte dialoga con altri strumenti o con l’orchestra, crolla del tutto quando a suonare insieme sono ben due pianoforti, due piccole orchestre che fondono empaticamente la loro ricchezza sonora e forgiano un suono unico dagli infiniti colori.

È quanto accade quando due grandi artisti della tastiera come Bruno Canino ed Enrico Pieranunzi si incontrano e proprio in virtù delle loro peculiarità stilistiche e linguistiche creano una registrazione come questo “Americas” pubblicato dalla Cam Jazz.

video

Sono note le provenienze e i contesti musicali differenti dei due pianisti. Bruno Canino è uno dei pilastri del pianismo classico nazionale consacrato a livello internazionale. Enrico Pieranunzi gode della stessa affermazione ma in ambito jazzistico.

Eppure se inforchiamo gli occhiali e guardiamo più nitidamente, ecco che le distanze si accorciano e ci rendiamo conto che non sono poi così distanti questi mondi musicali. Canino ha sempre mostrato un forte interesse per la musica moderna e Pieranunzi non ha disdegnato di affrontare il repertorio classico ridisegnandolo con il suo personale linguaggio.

video

E dove potevano incontrarsi questi due artisti se non in America, in quello spazio geografico spurio dove la musica ha trovato le sue più fertili ibridazioni e che ha rappresentato un crocevia di culture e tradizioni e la fucina di nuovi linguaggi?

Le “Americhe” di Bruno Canino ed Enrico Pieranunzi sono quelle del Sud e quelle del Nord contemporaneamente. Le otto tracce di “Americas” recano infatti la firma degli argentini Carlos Guastavino e Astor Piazzolla, del newyorkese Aaron Copland e di George Gershwin, o ancora di William Bolcom.

I due pianoforti di Canino e Pieranunzi attraversano il vasto continente americano ritraendone i variegati tratti somatico-musicali con quel gusto e quella raffinatezza che i due Maestri possiedono in comune, un viaggio che si snoda tra stride e tango, tra ragtime e milonga, tra swing, blues e son cubano. Diverse le derivazioni e variegate le atmosfere, ma il comune denominatore è una visione della musica come un unicum non scindibile in generi e sottogeneri.

La simbiosi tra i due artisti è totale e questo “Americas” ci consegna un esempio tangibile di cosa può accadere quando la curiosità e il desiderio di esplorazione incontrano l’intelligenza musicale e la creatività: un disco che si ascolta ripetute volte con il piacere della scoperta ad ogni nuovo ascolto.

Tracklist: 1. Muchacho Jujeño; 2. Danzón cubano; 3. Fuga Y Misterio; 4. Old Adam; 5. Las Niñas de Santa Fe; 6. Milonga del Àngel; 7. I Got Rhythm Variations; 8. La muerte del Àngel.

Un pre ascolto di “Americas” sul sito della Cam Jazz.

 

Pianosolo consiglia

Articolo precedenteRemo Vinciguerra, Una fantastica storia della musica raccontata ai ragazzi (2016 Edizioni Curci)
Articolo successivoBeatrice Rana e Antonio Pappano, Prokofiev e Tchaikovsky (Warner Classics)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here