Home Tecnica Metodi 3 Errori comuni di chi studia Pianoforte

3 Errori comuni di chi studia Pianoforte

5
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
sbagliare-suonare-pianoforte

Passi tanto tempo al pianoforte ma i miglioramenti li vedi molto a rilento? Spesso questo accade quando non si ha affinato una buona metodologia di studio. Un mio allievo, padre di famiglia e con un lavoro full time, mi dice di studiare tutte le sere per tre ore, dalle 21 alle 00, a volte anche l’una. Poi l’indomani alle 6.30 scatta la sveglia per andare a lavoro.

Quando arriva però il giorno della lezione i brani sono allo stesso punto della settimana precedente. Sì, c’è qualche piccola miglioria ma non degna di chi studia 3 ore al giorno. Gli ho provato a spiegare diverse volte come studiare in modo efficace ma… niente da fare.

    Così un bel giorno sono andato proprio a casa sua ad ascoltarlo durante una seduta di studio. All’inizio era un po’ imbarazzato ma poi pian piano si è dimenticato della mia presenza e lì tutti i nodi sono venuti al pettine.

    Ci sono tre errori principali che vengono commessi dagli studenti e te li voglio elencare ad uno ad uno, mostrandoti l’errore è il “come andrebbe fatto”. Partiamo dunque con la nostra piccola lista.

    1. Ricominciare il brano dall’inizio

    Questo errore è tipico anzi… è matematico! Arriviamo ad un certo punto del brano, sbagliamo, ci incartiamo, non sappiamo più andare avanti e cosa facciamo? Ricominciamo da capo!!

    Come se ricominciando da capo si riazzerasse tutto e quel passaggio magicamente ci incomincia a venire. Niente di più falso. Se hai incontrato difficoltà in quel passaggio, continuerai sempre ad incontrarla se non fai qualcosa per risolverlo.

    La voglia di ricominciare da capo ogni volta è tanta. Ma perché?

    Perché le prime battute sono quelle che sappiamo meglio e ci vengono meglio. Ci danno grande soddisfazione e suonarle in continuazione accresce la nostra autostima e dentro di noi pensiamo “ohhh va che bravo che sono”. Peccato che sono in pochi i coraggiosi che si scagliano direttamente contro il passaggio più ostico del brano. Anziché ripetere le prima battute infinite volte, perché non ripetere infinite volte il passaggio che non ci riesce? Noterai un grande miglioramento tangibile.

     2. Cercare di suonare come i pianisti di Serie “A”

    Il bello della musica è che chiunque può suonare qualsiasi cosa. Ci sono grandi pianisti che si divertono a suonare in concerto brani che si studiano al quinto corso di Conservatorio. Qualcuno denigrerebbe tali pezzi perché “sono da studenti”. Ma i grandi non fanno questo tipo di distinzioni. Ѐ il caso per esempio di Krystian Zimerman che in concerto porta l’Op.90 di Schubert.

      Se sentiamo i pezzi che stiamo studiando fatti dai grandi esecutori possiamo ottenere due reazioni: sconforto o eccitamento. Se otteniamo il secondo tipo di reazione possiamo rischiare di finire con il tentare di emulare l’esecuzione che abbiamo sentito con un risultato mediocre.

      Per sorridere mi viene in mente quel vecchio programma televisivo “Art Attack”, ti ricordi? Io mi ricordo benissimo perché ogni volta che provavo a realizzare qualcosa suggerito da loro, non mi usciva nulla che si avvicinasse anche solo per sogno a quello che avevano mostrato gli autori in puntata!

      3. Suonare sempre a memoria

      Credo che suonare a memoria sia uno dei modi migliori per dare il meglio di sé stessi. Il vero problema si ha quando un brano lo si suona sempre a memoria senza mai rispolverarlo con lo spartito. Senza quest’operazione fondamentale, il brano inizia ad assumere piccoli vizi che sommati daranno la disfatta del pezzo (e di tutte le ore di studio sacrificate).

      Il mio consiglio perciò è quello di ripulire il brano ogni volta con un’esecuzione lenta e con lo spartito di tutto il brano, anche (e soprattutto) se lo conosci già a memoria. Suonare con lo spartito è sempre un buon modo per avere più certezze e informazioni da immagazzinare e talvolta può anche succedere di trovare delle sviste di lettura e di modificarle a brano già completato.

      Se riesci ad evitare o correggere questi errori, la tua qualità di studio aumenterà considerevolmente. Per affinare la tua tecnica di studio ti consiglio di dare un’occhiata a queste videolezioni gratuite.

      Pianosolo consiglia

      5 COMMENTI

      1. Tutto verissimo. Sono casca in tutti e tre gli errori. Già da un po’ vi ho posto rimedio. Bravo Christian.

      LASCIA UN COMMENTO

      Please enter your comment!
      Please enter your name here