Home Tecnica Blues Variazioni armoniche sul giro di blues – Lezione n.9 corso di...

Variazioni armoniche sul giro di blues – Lezione n.9 corso di piano blues

10
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Variazioni armoniche sul giro di blues - Lezione n.9 corso di piano blues, 5.0 out of 5 based on 290 ratings

Eccoci alla nostra nona lezione del corso di piano blues.

Oggi proveremo a fare delle variazioni armoniche sul giro di blues di do maggiore, nel tentativo di approfondire il materiale studiato insieme nelle precedenti lezioni.

Per continuare la lettura...

Questo contenuto è riservato agli utenti premium silver, coloro che sono registrati a Pianosolo.it. Se sei già un utente premium silver accedi qui altrimenti registrati.

Pianosolo consiglia

CONDIVIDI
Articolo precedenteIrene Veneziano plays Chopin and Debussy (2012)
Articolo successivoEsercizi di pianoforte ed efficacia
Pianista, Toy Pianist, Compositore, Didatta talentuoso musicista toscano, classe 1985, inizia lo studio nel 1999 da prima seguendo corsi di musica classica fino ad arrivare allo studio del pianoforte moderno. Grazie alla passione del pianoforte, si sviluppa in lui un forte interesse per la musica di qualsiasi genere e per la composizione. Nel 2008 viene ammesso all’Istituto Musicale P. Mascagni dove ha la possibilità di frequentare il Triennio di Musica Jazz sotto la guida del M° Mauro Grossi. Qui forma le sue conoscenze come jazzista e come arrangiatore di piccoli gruppi di musica Jazz, attraversando vari generi musicali ed è proprio durante il corso di Analisi Musicale del M° Fabio de sanctis de benedictis che scopre la musica contemporanea e i compositori che hanno rivoluzionato il modo di pensare in musica. Musicisti come J. Cage, K. Stockhausen, L. Berio..In questi primi 10 anni di musica come professionista, ha avuto modo di collaborare con artisti internazionali del panorama Jazz e della musica moderna. Ha partecipato a festival come Rapallo Jazz & Blues, Pistoia Blues, Terni Jazz Festival, Grey Cat Jazz Festival, Soulisland Festival e si è esibito in Germania, Spagna, Inghilterra, Galles, Irlanda, Scozia, Olanda, Norvegia, Svizzera. Nell’ Aprile 2012 è uscito il suo primo Album in Piano Solo dal titolo “6 milioni di domande”per l’etichetta Cama Records distribuito da Edel. Al disco è seguito un breve tour di presentazione in tutta Italia e non solo, tour che ha visto partecipe alcune location d’occasione come l’evento Internazionale “Piano City Milano” (Stazione Garibaldi 12.05.12), Fnac Firenze – I gigli e Fnac Siviglia, Spagna.Dal 2012 collabora come "Toy Pianist” con l’associazione e centro studi di ricerca Tempo Reale fondata da Luciano Berio nel 1987.

10 COMMENTI

  1. Non ho capito una cosa:
    in realta’ l’accordo di A e di D sulla scala di C dovrebbe essere minore, e invece e’ maggiore.
    La mia domanda e’: tu scrivi che “sul II° della scala maggiore si costruisce un accordo minore, mentre questo è stato sostituito con un accordo maggiore, preso in prestito dalla tonalità di Sol”. Allora, perche’ sostituirlo con un maggiore? Chi prende in prestito dalla tonalita’ di Sol, il Re? Allora si intende un Sol con la 7ima aumentata. Non c’e’ troppa confusione?
    scusami….

    • Allora aspetta …
      L’accordo di A maggiore e D maggiore non fanno parte della tonalità di Do maggiore. Sul II° e sul VI° in tonalità di Do maggiore troviamo due accordi minori, mentre io li ho sostituiti con accordi maggiori. Questo perchè? Il D maggiore viene preso in prestito dalla tonlità di Sol maggiore (il D maggiore è il V° grado della tonalità di Sol maggiore) e l’accordo di A maggiore è stato preso in prestito dalla tonalità di Re maggiore ( A maggiore è il V° grado della tonalità di Re maggiore)…. le sostituzioni esistono per creare tensione nei giri armonici comuni e si usano accordi che vengono presi in prestito da altre tonalità vicine o lontane. Non c’è confusione e ho cercato di spiegarlo nella maniera più semplice possibile. Spero di esserti stato di aiuto! 🙂

      • No, scusami, tu spieghi in modo chiaro, sono io che sono un po’ tonta.
        Quindi, per creare delle tensioni, si possono prendere in “prestito” i quinti gradi del II e del V grado di una scala maggiore? Cioe’ nel caso di C, si possono prendere i quinti gradi di D e G (ossia A maggiore e D maggiore). Giusto? Vale anche per gli altri “giri”?

        • BEh in un certo senso si. Ma non è cosi facile… in Armonia tante cose sono permesse se giustificate. Il Jazz ne è un esempio chiaro e deciso. Per il blues si usano accordi maggiori ma che nella tonalità del giro in cui si suona sarebbero minori….cosi è più semplice..spero!

LASCIA UN COMMENTO