Home Intermedio Tutorial per Pianoforte: Comptine d’un autre été

Tutorial per Pianoforte: Comptine d’un autre été

4
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Tutorial per Pianoforte: Comptine d'un autre été, 4.9 out of 5 based on 102 ratings

Comptine d’un autre été  è un brano del compositore francese Yann Tiersen divenuto celebre grazie al film “Il mondo di Amelie” diretto da Jean-Pierre Jeunet.

Il brano, in tonalità di Mi minore, è molto semplice da imparare poiché la mano sinistra ha uno schema ciclico che si ripete dall’inizio alla fine. Le difficoltà nascono nell’unire la mano sinistra con la mano destra.

Il ritornello ha un tocco virtuosistico per quanto riguarda la mano destra, ma con un po’ di studio anche questo ostacolo si supera con tranquillità. Alla fine del ritornello il pezzo viene riproposto per intero con la destra a un’ottava superiore.

Qui di seguito puoi trovare il tutorial:

Per lo spartito vai a questo articolo.

Per qualsiasi dubbio o commento, non esitare a scrivermi qui sotto. Buono studio!

Pianosolo consiglia

4 COMMENTI

  1. Ti ringrazio per la risposta. Allora ci proverò anche se la mano sinistra mi crea un pò di problemi. Non avendo una mano grande e tenendo conto che se ne deve stare lì aperta per coprire un’ottava tutto il brano avverto un dolorino alla spalla eppure la tengo rilassata,cioè non si solleva da sola come succede tipicamente quando si è tesi ma rimane tutta giù, bella rilassata,la controllo eppure niente..quel dolorino lì rimane..anche la schiena in basso non è esente da qualche acciacco eppure me ne sto bello dritto,respiro e non noto tensioni a livello conscio eppure spalla e basso schiena/bassi dorsali sono una valle di lacrime (ho 26 anni quindi non c’entrano reumatismi ahaha)mah..

  2. Ehilà Cris! Grazie per questa meravigliosa melodia che insieme a “le valse d’amelie” e “la dispute” forma la santa trinità del Dio Yann Tiersen! 3 cosucce da chiarire:
    1 nel ritornello,ovvero quando la destra inizia a prendere il volo,tu definisci i sedicesimi come quartine e in effetti è così che sono raggruppati. Ma è giusto usare il termine quartina?pensavo che parole com quartine,terzine ecc..forse specifiche per i gruppi irregolari. Scusa il mio essere pignolo ma i principianti sono così ahah
    2 sempre nel ritornello (battuta 17) abbiamo queste quartine di sedicesimi SI-mi-si-si MI-si-si-mi Si-si-mi-si SI-mi-do-mi. Sono giusti gli accenti che ho messo in maiuscolo? (forte,debole,mezzoforte,debole del tempo 4/4). Il dubbio mi è venuto in quanto suonato velocemente sembra che l’andamento sia SI-mi-si SI-mi-si SI-mi-si SI-mi-si MI-do-mi e anche guardando la scrittura della battuta sembra ci sia questa tendenza spontanea a suonare le note più a gruppi di 3.Mi spiego: le note sono scritte in una disposizione tale che creano una sorta di illusione ottico/ritmica che induce a suonare più secondo lo schema dei gruppi da 3 ma così penso sia sbagliato. Qual è il modo corretto?
    3 Lo spartito più difficile che ho fatto fino a adesso è la sonatina 1 di clementi op.36. la faccio decentemente anche in termini di velocità (sui 150 alla semiminima per il primo movimento) con qualche errore in quanto vado di memoria di mano e studio molto poco quindi con più applicazione potrei fare molto meglio. Dici che sono in grado di affrontare questo brano o è tempo sprecato? Ti ringrazio moltissimo. Max

    • Ciao Massimiliano,

      perdona il ritardo della risposta ma…meglio tardi che mai! 🙂

      1) No no, è corretto, si usa spessissimo definire “quartine” anche gruppi regolari 🙂

      2) Tutto corretto quello che hai scritto. Ovviamente in velocità è difficile rispettare quegli accenti, e anche l’effetto sonoro che si crea è totalmente differente. In ogni modo è sempre bene tenere presente a mente dove vanno gli accenti, proprio come da te indicati.

      3)In gradissimo! Lo proposi ad una mia allieva molto dotata con la quale non avevamo ancora iniziato Clementi e ci è riuscita senza problemi, quindi…! 🙂

LASCIA UN COMMENTO