Home Articoli Schumann, Kinderszenen, Martha Argerich (2013, Deutsche Grammophon)

Schumann, Kinderszenen, Martha Argerich (2013, Deutsche Grammophon)

0
GD Star Rating
a WordPress rating system
CONDIVIDI
Schumann, Kinderszenen, Martha Argerich (2013, Deutsche Grammophon), 5.0 out of 5 based on 206 ratings

Schumann, Kinderszenen, Martha Argerich (2013, Deutsche Grammophon)

Argerich_Schumann

Brevi e fuggevoli scene, piccole incursioni in un universo giocoso e sognante, ma non per questo privo di malinconia: sono le “Kinderszenen” (Scene infantili”) di Robert Schumann. Il mondo poetico del compositore si palesa in tutta la sua ricchezza in quest’opera da lui stesso definita: “reminiscenze dell’infanzia per chi è già cresciuto”. Tredici brani di rara intensità espressiva in cui fa capolino, costante schumanniana, la figura di Clara, eterna musa ispiratrice, come il compositore stesso ricorda in una delle lettere a lei indirizzate e di cui  leggiamo un estratto nel booklet di questa registrazione: “Talvolta fu una eco di una cosa che un giorno mi dicesti, che a volte ti sembro un bambino; in ogni caso ho trovato una repentina ispirazione e ho composto 30 piccole composizioni…”. E il ricordo delle suggestioni dell’infanzia, quel candore incontaminato, quello stupore curioso sono particelle sostanziali del mondo lirico di Schumann, non privo di chiaroscuri e di una vena drammatica che ne hanno fatto uno dei massimi esponenti del romanticismo musicale.

Martha Argerich ci consegna questa registrazione, pubblicata da Deutsche Grammophon, dando prova di un’affinità elettiva senza eguali con l’arte di Schumann. Nel pieno della maturità artistica, la pianista argentina interpreta con insuperabile varietà linguistica queste composizioni, passando agevolmente dal registro leggero a quello più grave, da una gioiosità luminosa a quell’oscurità intrinseca generata dalla consapevolezza dell’età adulta. Fedele allo spirito del compositore in questo bilanciamento espressivo perfetto, la Argerich conferma l’innumerevole varietà di colori che il pianoforte nasconde, che grazie alle sue dita e al suo grande cuore si rivelano, pieno sfruttamento delle possibilità dello strumento, con grande cura per il dettaglio, per le sfumature, con un nitore del suono totale, anche nei tempi più veloci.

Come per un bambino il trascorrere delle emozioni è veloce, fugace, e veloce è il passaggio dal pianto al riso e viceversa, così questi brani rappresentano istanti effimeri nell’animo in cui una vasta gamma di sentimenti si alterna vorticosamente, veloci appunto, ma non per questo meno profondi. Martha Argerich ci restituisce questa dimensione, questo anelito perenne alla gioia che la lucida coscienza del reale dell’adulto Schumann vive in un perenne bilico sul filo della tragicità dell’esistenza.

Kinderszenen Op. 15 – (“Scene Infantili”)

  1. Da paesi e uomini stranieri (Von fremden Ländern und  Menschen)
  1. Curiosa istoria (Kuriose Geschichte)
  2. A rincorrersi (Haschemann)
  3. Fanciullo che supplica (Bittendes Kind)
  4. Quasi felice (Glückes genug)
  5. Avvenimento importante (Wichtige Begebenheit)
  6. Sogno (Träumerei)
  7. Al camino (Am Kamin)
  8. Sul cavallo di legno (Ritter vom Steckenpferd)
  9. Quasi troppo serio (Fast zu ernst)
  10. Bau-Bau (Fürchtenmachen)
  11. Bambino che s’addormenta (Kind im Einschlummern)
  12. Il poeta parla (Der Dichter spricht)

Pianosolo consiglia

LASCIA UN COMMENTO