Home Classica Franz Schubert – Improvviso Op.90 n.3 (Spartito)

Franz Schubert – Improvviso Op.90 n.3 (Spartito)

6
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Franz Schubert – Improvviso Op.90 n.3 (Spartito), 5.0 out of 5 based on 291 ratings

Che gli improvvisi di Schubert dell’ Op. 90 siano dei capolavori questo è certo, ma penso che il meglio di sé stesso il nostro Franz l’ abbia dato col terzo improvviso in Sol bemolle maggiore (trascritto anche in Sol maggiore). Per l’ esame del quinto anno di pianoforte bisogna conoscerlo in tutte e due le tonalità.

Il brano ha un carattere molto sognante e non si può non commuoversi ascoltandolo. Grazie anche a Franz Schubert per averci lasciato queste meraviglie da suonare. Per chi non lo conosce, ecco il brano suonato dal grande Zimerman.

Ora vi lascio ad una breve descrizione del brano e della sua storia:

Andante

Il pezzo apparve nel 1857 e già da allora l’editore lo stampò trasportato in Sol maggiore, una tonalità molto più comoda e invitante anche per i dilettanti.

Ma i sei bemolli in chiave non sono stati voluti da Schubert per complicare gratuitamente l’esecuzione, quanto piuttosto per sottolineare il colore caldo e l’ atmosfera morbida che sono capaci di creare. Infatti Schubert prima di comporre questo Improvviso studiò a priori la posizione delle mani per  questo brano, in modo tale da che non fossero necessarie particolari capacità tecniche (infatti il tema, le sestine nel registro medio e il basso tramite accordi semplici, sono tutte note alla portata di tutti e tutte ” sotto mano “).

Quelle bellissime sestine con la mano destra che accompagnano il tema danno al brano un carattere estremamente fluido e…  non vi sembra di sentire tra quelle note un po’ l’Ave Maria composta dallo stesso compositore due anni prima? 🙂

Download Spartito

 

Pianosolo consiglia

6 COMMENTI

  1. Io non ho una conoscenza tecnica molto dettagliata, tuttavia posso dirti che anche ame sembra un pò affrettato e non dà in certe frasi respiro ai suoni che si accavallano. E' come se fossi preoccupato per la registrazione. Suono molto secco del pianoforte, non perfettamente accordato, mi sembra. Non essere ansioso e dimentica che ti stanno ascoltando :suona per te stesso, e non è poco. Il tuo animo è molto raffinato, secondo me. Meriti di più.

  2. mi sembra un po' rapida, come esecuzione!!!
    non dico che debba durare i 7 minuti e mezzo che ci mette (video su youtube) un ormai anziano Horowitz, e credo che lì sia appunto un problema di età -il risultato è comunque bellissimo-, ma le migliori esecuzioni che si possono ascoltare sempre su YT sono tutte intorno ai 6 minuti.
    molto bravo, comunque… beato te!! 🙂

LASCIA UN COMMENTO