Home Pop Poesia “Neve” / Spartito “The sound of silence” – Simon and Garfunkel

Poesia “Neve” / Spartito “The sound of silence” – Simon and Garfunkel

11
GD Star Rating
a WordPress rating system
CONDIVIDI
Poesia "Neve" / Spartito "The sound of silence" - Simon and Garfunkel, 5.0 out of 5 based on 298 ratings

Non è facile attribuire un significato univoco alla neve. Non puoi ricondurre ad un unico pensiero quella vasta distesa candida che tinge le campagne e che blocca talvolta mezzi pubblici, attività, che ferma il tempo, che ferma la mente nel suo flusso ininterrotto di riflessioni.

Impariamo ad osservare, a soffermarci tra il turbinio di tempesta e i mulinelli di vento sull’asfalto, tra i marciapiedi, sotto le fronde umide degli alberi: assistiamo a questo cambiamento impotenti ed incapaci di troppe azioni, consapevoli dell’ennesima trasformazione, dell’ennesimo passo verso una forma nuova di natura. Come un salto nel vuoto, i rumori si fanno leggeri, galleggiano in superficie. E allora ecco che qualcuno esce per controllare l’uscita di casa, se ancora c’è la speranza di poter evitare un arresto domiciliare involontario..! qualcun altro è costretto a cospargere le strade di sale e altri ancora si attivano già per togliere quelle zolle bianche simili a cubetti di zucchero.
I bimbi invece escono incappucciati, avvolti da sciarpe e con guantoni alle mani per poter toccare quel bianco episodio in diretta dal cielo.. il nasino rosso e un sorriso gioioso, mentre la mamma in casa si precipita a consultare il meteo per sapere al più presto quanto la neve avrà deciso di far loro compagnia. Luci fioche dai lampioni illuminano i fiocchi bianchi che sembrano marciare come soldatini, uno sopra all’altro. Io mi accovaccio dinanzi alla stufa, dò un’occhiata fuori, penso a sfornare qualche dolcetto: la neve mi giustifica, mi costringe a prendere un po’ di pausa dallo studio, da impegni vari.
Mia mamma invece (chiaramente solo al cessare della bufera!) celebra la nevicata fotografando qua e là qualche particolare… e stavolta è toccato al bel calicanto del cortile che ho deciso di riportarvi sotto, con i suoi rami scuri a fare da contrasto ai fiori gialli e ai fiocchi bianchi.
Qualcuno vede la neve come sigillo a suoni e rumori quotidiani, come ”tregua” e come silenzio quasi mortale; qualcun’altro paragona la neve ad uno splendido vestito di festa per il paesaggio.
Il Carducci, per esempio, nella poesia “Nevicata”, vede la neve come un simbolo di morte che attutisce i suoni tanto da farli sembrare sospiri provenienti da un altro mondo (“Lenta fiocca la neve pe ‘l cielo cinereo: gridi, / suoni di vita più non salgono da la città, / non d’erbaiola il grido o corrente rumore di carro, / non d’amor la canzon ilare e di gioventù…)
mentre R.M.Rilke poeta dicendo: “Io penso: e vedo (o sogno)/ un piccolo villaggio, una gran pace:/ dentro, un cantar di galli./ E il piccolo villaggio si smarrisce in un fioccar di neve./ Entro il villaggio in abito da festa/ una casetta bianca.”
…e qualcosa sento di dover scrivere anche io, sebbene molto umilmente!, magari guardando fuori, osservando il cadere lento dei fiocchi..

Cade in silenzio la neve

mentre proseguo il freddo

sentiero. La sera

avvolge

nel volto bianco

la sua tenera amarezza,

sigillando il cuore

rosso

del tenue tramonto.

Selvaggi pini

silvestri,

rugiada lucente

tra bacche e

calicanti.

Bella la neve

con il suo

matrimonio di

candide fiamme!

Sangue immacolato

dal bagliore celeste.

Odor di terra,

di pianto e

di confini,

suono di silenzio.

La nonna e il bimbo

avvolti nello scialle,

rosso

è il loro stesso

caldo cuore;

proseguo nel freddo

sentiero di fiori

di neve, prodigioso

scenario

di poesia.

Il suono del silenzio,  ecco cos’ha di particolare la neve.

Calicanto

..cosa potrei proporvi di diverso se non “the sound of silence” del duo Simon & Garfunkel? Bisogna ricordare comunque che la canzone venne composta a scopo ben diverso, cioè commemorare la morte del presidente degli stati uniti John Kennedy, avvenuta nel 1963.

Vi lascio così, nell’ascolto della versione suonata al pianoforte, quella che potrete realizzare anche voi (magari aspettando la prossima nevicata!)

 Qua trovate lo spartito.

 

Pianosolo consiglia

11 COMMENTI

  1. La tonalità del video è diversa da quela dello spartito. Il video è il LA- o A- mentre lo spartito è in RE- o D-

      • Ciao, sono l'utore della foto iniziale di questa pagina, dove apparre la mia foto del **barco** di fieno pubblicata nel nostro sito. Domanda ti sembrava troppo difficile mettere il nome o link di dove proviene questa foto come il buon senso e le regole deontologiche impongono? nessuno ti avrebbe detto magari di no non credi?. Ora se sei una persona intelligente aspetto una tua risposta e se non vuoi mettere il nome o link a fianco della foto ti prego ti toglierla ciao bruno

  2. Quel del video è bravissimo, io infatti voglio diventare una professionista come lui e voglio iniziare da questa musica!! 😀

  3. @alida: sono sicura che con un pò d’esercizio magari inizialmente a mani separate riuscirai anche tu a suonarla al meglio.. (nel caso, ci sono versioni ancora più semplici dello stesso spartito!)
    Buon lavoro 🙂
    @giulio: grazie Giulio, sempre troppo gentile!

LASCIA UN COMMENTO