Home Tecnica Jazz PianoSolo One – Presentazione e primo pezzo (1)

PianoSolo One – Presentazione e primo pezzo (1)

3
GD Star Rating
a WordPress rating system
CONDIVIDI
PianoSolo One - Presentazione e primo pezzo (1), 5.0 out of 5 based on 272 ratings

PianoSolo è una raccolta di pezzi inediti composta da Remo Vinciguerra in esclusiva per Pianosolo.it, in occasione del concorso internazionale Remo Vinciguerra 2013 (vuoi partecipare? Leggi questo articolo).

La raccolta contiene 6 brani in stile pop / jazz – funky in ordine progressivo di difficoltà. Ciascun brano ha un significato proprio e sviluppa, grazie alla forte coerenza armonica e melodica, un discorso musicale che prosegue e si arricchisce con gli altri brani della raccolta.

La composizione, complessivamente, è una metafora della vita ed in particolare del percorso musicale di un allievo di pianoforte.

Si inizia con la semplicità di poche note e si arriva, arricchendo l’armonia, il ritmo e la melodia alla maturità del pianista, il quale possiede una buona base tecnica di partenza e riesce a padroneggiare la tastiera con disinvoltura.

Scopriremo la raccolta lentamente, in 6 appuntamenti.

Oggi andiamo a vedere il primo pezzo della raccolta: PianoSolo One.

Siamo in tonalità di do maggiore, con un tempo di 4/4 “Moderato Jazz – funky”. Troviamo un’ulteriore indicazione, “quasi staccato”, che assieme alle precedenti ci proietta in un universo ben ritmato, tra melodia pop e armonia jazz.

Mano sinistra e mano destra suonano le stesse note a distanza di terza, ad eccezione degli accordi conclusivi.

Il brano non presenta eccessive difficoltà, anche per i principianti. Segnalo solamente due passaggi che potranno impegnarvi:

1) La quarta battuta, a causa dello spostamento laterale sul si ed il cambio naturale di diteggiatura.

2) Gli accordi finali a doppie note da studiare a mani separate.

Fate attenzione alle sincopi, a staccare leggermente le note creando un effetto ritmato e coinvolgente.

Scaricalo spartito qua

 

Buona lettura

Pianosolo consiglia

3 COMMENTI

  1. Hai usato giustamente la parola esaltazione, è la stessa sensazione da me provata. mi serviva un brano così per riprendere a suonare dopo un periodo lontano dal mio adorato pianoforte. la giusta carica.

    Una mamma impegnata

LASCIA UN COMMENTO