Home Articoli Percorsi di Pianoforte (Ed. Progetti Sonori)

Percorsi di Pianoforte (Ed. Progetti Sonori)

6
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Percorsi di Pianoforte (Ed. Progetti Sonori), 5.0 out of 5 based on 286 ratings

La casa editrice “Progetti Sonori” ha ultimamente lanciato dei nuovi progetti. “Percorsi di Pianoforte”, volume 1 e 2, è a mio parere uno dei prodotti migliori sul mercato per quanto riguarda lo studio del pianoforte dei più piccoli.
Che cos’ha questo libro in più degli altri? Perché è così valido?

Innanzi tutto il libro contiene molti disegni e vignette, in grado di aiutare l’allievo a memorizzare più facilmente le nozioni teoriche. I colori utilizzati all’interno del libro fanno provare al giovane allievo la sensazione di una bella esperienza in un mondo familiare e non estraneo e astratto come potrebbe essere il pentagramma. Nulla è affidato al caso, tutto viene spiegato nei dettagli e cosa ancora più bella… si può già iniziare a suonare da pagina 8!
Nei primi esercizi si insegna all’allievo a contare (per tenere il tempo) durante l’esecuzione, in modo tale da consentire lo sviluppo del senso ritmico. Dopodiché l’allievo imparerà a gestire il tempo contando internamente, come fanno tutti i grandi pianisti.
Il libro quindi ha:

• pagine di spiegazioni
• pagine di esercizi
• pagine di brani

 

I brani sono preceduti sempre da esercizi di preparazione al brano stesso, in modo tale che l’allievo arrivi già preparato all’esecuzione.

Il brano musicale è un momento importante per l’allievo, è un momento in cui si può confrontare con qualcosa che abbia un senso musicale e non solo didattico. Questo momento è reso ancora più gradevole grazie a due elementi: il primo è che i brani si possono sentire in anteprima grazie al Cd allegato al libro; il secondo, è che sotto all’accollatura si possono trovare degli accordi. Questi possono essere eseguiti o da altri allievi (anche con strumenti differenti, per esempio delle chitarre), o dal maestro, andando così a suonare dei brani a 4 mani.

Un ulteriore vantaggio di questi metodi è la varietà di stili che si toccano. Si passa infatti dallo stile classico a quello barocco, da quello tribale a quello del west e ancora al blues. Non si pongono limiti all’immaginazione dell’allievo e si possono iniziare a vedere sin da subito le principali inclinazioni verso uno stile piuttosto che l’altro.

Ne consiglio l’acquisto come metodo per iniziare il pianoforte per i più piccoli. Per l’acquisto Clicca qui.

Pianosolo consiglia

6 COMMENTI

  1. Grazie per la recensione, penso potrebbe essere utile anche per molti neofiti autodidatti “Grandi” e non solo per i “piccoli”. Apprezzo particolarmente il fatto che si sia rinunciato a tutti quei metodi con i numeri , le lettere od i pallini colorati sulla tastiera e si siano immediatamente intodotte le note, gli altri metodi rimandano semplicemente il problema ed il vero approccio musicale; altro pregio gli accenni alla storia musicale fatti in contemporanea, sono utilissimi per entrare nello spirito ed allargare gli orizzonti ad elementi di vita reale; ok anche per la grafica!. Mi sembra una bella opera, che non tralascerò di pubblicizzare.

    • Grazie ancora per il tuo parere Sergio! E concordo a pieno su quello che hai detto. Altri metodi trovano degli escamotage per far suonare l’allievo sin da subito, senza utilizzare le note, ma è solo un posticipare il “problema” delle note 🙂 .
      Alla prossima!

  2. Era ora!! che un nuovo metodo di apprendimento del pianoforte si facesse vivo nel panorama vetusto ed obsoleto dei metodi “classici” di cui NON SE NE POTEVA PIU’!!
    Evviva PROGGETTI SONORI!!!
    saverio

LASCIA UN COMMENTO