Home Articoli Paolo Di Sabatino, Solo (2012 Irma Records)

Paolo Di Sabatino, Solo (2012 Irma Records)

0
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Paolo Di Sabatino, Solo (2012 Irma Records), 5.0 out of 5 based on 258 ratings

Paolo Di Sabatino, Solo (2012 Irma Records)

Paolo Di Sabatino

Solo” è il titolo di questo disco del pianista, compositore e arrangiatore Paolo Di Sabatino, classe 1970, che ha all’attivo una formazione classica con tanto di diploma in pianoforte a pieni voti e lode presso il Conservatorio di Bari e analogo titolo in Musica Jazz, una lunga storia di collaborazioni illustri con artisti internazionali e una serie infinita di partecipazioni a importanti manifestazioni musicali in tutto il mondo. Paolo Di Sabatino in questo lavoro discografico affronta quella sfida ambita da ogni pianista: l’incontro in solitudine con lo strumento. Un incontro stimolante quanto difficile per la mancanza di limiti sia dello strumento pianoforte sia delle possibilità espressive, creative, dinamiche del pianista.

Otto brani, fra standard e composizioni originali di Di Sabatino, che raddoppiano in quanto concepiti ciascuno come una sorta di suite in cui spesso l’artista trapassa dalla creazione personale a materiale tematico di autori altri nell’ambito del repertorio jazzistico. Un esempio per tutti “Spiragli di luce” a firma Di Sabatino che nella sua evoluzione si trasforma nella gershwiniana “I loves you Porgy” senza soluzione di continuità, in una omogeneità che sa di naturalezza grazie a una cifra stilistica personale che il pianista abilmente mantiene inalterata. Composizioni e arrangiamenti dunque in forme aperte che lasciano fluire il libero pensiero musicale di Paolo Di Sabatino.

Un caleidoscopio dalle molteplici tinte questo universo musicale, in cui una spiccata predilezione per elementi ritmici ben marcati convive con invenzioni melodiche delicate che si sciolgono in un canto spontaneo e delicatamente lirico, basti pensare a “In The Waltz”. Notevole il fraseggio di questo artista che mostra una padronanza dello strumento assoluta. Sfida egregiamente superata dunque per Paolo Di Sabatino e il suo piano “Solo”.

Tracklist: 1. Te Quiero (Canaro)/Sweet Georgia Brown (Bernie-Pinkard-Casey); 2. Spiragli di Luce (Di Sabatino)/I Loves You Porgy (Gershwin); 3. Dietro il vetro/Cosa ne sarà (Di Sabatino); 4. Suite: Part I/Part II (Di Sabatino); 5. It’s Only a Paper Moon (Rose-Harburg-Arlen)/Onde (Di Sabatino); 6. In the Waltz (Di Sabatino); 7. A Piece of the Night/Waltz for My Mother (Di Sabatino)/Par ver as meninas (Da Viola); 8. Song 43/I bimbi giocano (Di Sabatino)

Pianosolo consiglia

LASCIA UN COMMENTO