Home Articoli Non è un gioco da ragazzi

Non è un gioco da ragazzi

0
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Non è un gioco da ragazzi, 5.0 out of 5 based on 286 ratings

Nonostante le sue corte gambette e il nome scherzoso, il toy piano non è per niente un giocattolo. E, se usato come si deve, porta a interessanti risultati. Lo strumento, messo a punto a Philadelphia nel 1872 da un immigrato tedesco di nome Albert Schoenhut, non misura più di 50 cm in larghezza, è di legno o in plastica e produce un allegro suono tintinnante. Proprio per la particolare sonorità, si è mostrato adatto alla sperimentazione. Lo sapeva bene John Cage, che con lo strumento ha composto la “Suite for Toy Piano” (1948). Se Cage ha aperto la strada, altri hanno seguito i suoi passi: anche Yann Tiersen ha usato in più occasioni il toy piano, sia nel suo album “La Valse des Monstres“, sia per alcuni pezzi della colonna sonora del film Amelie. Anche musicisti jazz, come John Medeski e Larry Golding, lo hanno utilizzato, ma sono stati soprattutto i grandi dell’alternative e del post rock a fare largo uso del piccolo piano; tra questi Agitpop, Evanescence, Radiohead, Warren Zevon, Tori Amos, Sigur Rós and The Dresden Dolls. Per avere maggiori informazioni, e magari procurarvene uno, ecco il link ufficiale:

http://www.toypiano.com/

Pianosolo consiglia

LASCIA UN COMMENTO