Home Articoli Altro Napoli e il pianoforte: un grande amore celebrato a Piano City Napoli...

Napoli e il pianoforte: un grande amore celebrato a Piano City Napoli 2016

0
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Napoli e il pianoforte: un grande amore celebrato a Piano City Napoli 2016, 5.0 out of 5 based on 1 rating

Napoli e il pianoforte: un grande amore celebrato a Piano City Napoli 2016

img_3542

Si è conclusa domenica 16 ottobre l’edizione 2016 di Piano City Napoli. La città partenopea ha ancora una volta confermato il suo amore sviscerato per la musica e quel legame speciale con lo strumento pianoforte, offrendo alla cittadinanza un variegato carnet di appuntamenti che hanno consentito al pubblico non solo di godere di quattro giorni di buona musica, ma anche di conoscere luoghi bellissimi di quella Napoli poco frequentata e per questo poco nota ai più.

Grazie al festival abbiamo scoperto le splendide scalinate disseminate nei palazzi storici napoletani, tra le novità di quest’anno, e spazi inusuali dove il fare musica ha assunto i connotati di una socialità diffusa in cui le tradizionali barriere tra esecutore e pubblico sono state azzerate.

Tutti i concerti hanno registrato un indiscusso successo di pubblico, sia in termini numerici, registrando sempre il tutto esaurito, sia nell’apprezzamento del valore artistico della proposta musicale che i due direttori artistici, Dario Candela per la parte classica e Francesco D’Errico per la parte jazz, hanno programmato e messo in cartellone per questa edizione.

Oltre ai grandi nomi di Andreas Kern, Danilo Rea, Ramin Bahrami, Enrico Pieranunzi, solo per farne alcuni, Piano City Napoli 2016 ha concesso ampio spazio ai giovani pianisti napoletani, agli allievi e a tutte quelle personalità artistiche che da Napoli sono partite per conquistare i palcoscenici di tutto il mondo.

Sul sito di Piano City Napoli leggiamo: “Piano City è un festival fatto dai Napoletani per tutti coloro che amano Napoli e il pianoforte, e per valorizzare la tradizione del pianoforte a Napoli e della Scuola Pianistica Napoletana”.

Possiamo affermare a ragion veduta che questa dichiarazione di intenti è stata pienamente rispettata da un’organizzazione che il Comune di Napoli e l’Associazione Napolipiano hanno curato nel minimo dettaglio con estrema attenzione alle esigenze sia degli artisti che del pubblico.

La risposta è stata calorosa ed entusiasta, nella migliore tradizione di una città che fa tutto con passione e col cuore.

Ecco il nostro foto-video racconto.

Pianosolo consiglia

LASCIA UN COMMENTO