Home Articoli Mark Levine, The Jazz Piano Book (Curci Editore)

Mark Levine, The Jazz Piano Book (Curci Editore)

0
GD Star Rating
a WordPress rating system
CONDIVIDI
Mark Levine, The Jazz Piano Book (Curci Editore), 5.0 out of 5 based on 213 ratings

Mark Levine, The Jazz Piano Book, edizione italiana a cura di Fabio Jegher (Curci Editore)

jazzpiano book

Dopo “The Jazz Theory Book”, Mark Levine ci offre un ulteriore strumento per l’approccio teorico alla musica jazz, questa volta illustrando le basi e i concetti più avanzati del piano jazz grazie al suo “The Jazz Piano Book”. Anche questo volume, edito da Curci, è stato curato nell’edizione in italiano da Fabio Jegher. Non si tratta di un testo di tecnica pianistica, piuttosto di un strumento teorico per apprendere i fondamenti dell’improvvisazione, per approfondire gli aspetti ritmici e entrare nel vivo dell’applicazione delle conoscenze armoniche di base allo strumento.

Come avvisa saggiamente l’autore nell’Introduzione al volume, per usare “The Jazz Piano Book” occorre “… saper leggere la musica sia in chiave di sol che di fa, conoscere le scale maggiori e le tonalità e avere una conoscenza di base degli intervalli e degli accordi”. Il libro esordisce proprio con un primo capitolo che è un ripasso degli intervalli e delle triadi.

La struttura dell’opera, contrariamente a quanto generalmente avviene nella manualistica, non procede per blocchi di argomenti che si esauriscono in capitoli singoli, quanto piuttosto per approfondimenti progressivi delle varie tematiche affrontate. Seguendo una metodologia che è tipica della didattica jazzistica, la conoscenza teorica progredisce di pari passo con l’evoluzione delle abilità pratiche. Scorrendo l’indice, gli argomenti trattati sono canonici e completi: dai modi della scala maggiore e la progressione II-V-I ai voicings e alla teoria delle scale declinati nella loro applicazione allo strumento attraverso efficaci esempi e suggerimenti di brani per l’esercitazione dell’allievo, di modo che l’illustrazione concettuale non resti mai astratta, ma si concretizzi invece immediatamente in cellule musicali reali, spesso usate da pianisti che hanno fatto la storia del jazz ed elaborato stili personali e innovativi.

“The Jazz Piano Book” è rivolto ai pianisti, ma può risultare un utile compendio didattico anche per tutti i musicisti, soprattutto nello studio dell’armonia applicata allo strumento, attraverso la facilitazione che offre il pianoforte a livello di visualizzazione.

Il volume si chiude con un’ampia sezione dedicata ai suggerimenti per l’ascolto, poiché, come scrive Mark Levine: “Nessuno ha mai imparato a suonare il jazz solamente da un libro. Questo libro ti sarà utile solo se contemporaneamente avrai un buon maestro, ascolterai musica dal vivo e da registrazioni, trascriverai assoli e brani da dischi. È importante entrare il più possibile nel mondo del jazz”.

A questo link la scheda del libro nel Catalogo di Curci Editore.

 

 

Pianosolo consiglia

LASCIA UN COMMENTO