Home Articoli Altro L’incontro con Giulio

L’incontro con Giulio

15
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
L’incontro con Giulio, 5.0 out of 5 based on 283 ratings

Finalmente l’aspettato incontro col mio socio Giulio. Solo l’ altroieri sono tornato a casa e oggi ho scritto questo articolo.

Sono stato giù a Grosseto per 5 giorni e mi sono trovato benissimo!

Già mi manca il mare, i pezzi a 4 mani, e le serate e suonare nei bar con Giulio 🙁 🙁 . Bisogna ritornare purtroppo alla vita di tutti i giorni..e va beh, non mi lamento, anche perchè devo dire che mi mancava già insegnare e ieri ho ripreso alla grande con lo studio di un brano a 4 mani con Massimo.

Ecco come sono stati i 5 giorni a Grosseto dal socio:

1° giorno: arrivo alla stazione di Grosseto e Giulio non c’è..”incominciamo bene” ho pensato! Tutto d’ un tratto lo vedo sbucare da dietro l’angolo e subito mi accoglie calorosamente. Mi propone sin da subito 2 opzioni: la prima, di andare al mare, la seconda invece era di andare da Ciro (allievo di Giulio nonchè una persona squisita) e suonare sul suo pianoforte 3/4 di coda.

Secondo voi, cosa ho scelto? 😀 😀 😀 Beh non c’è dubbio! Così ci rechiamo da Ciro e subito faccio conoscenza.  Poco dopo ci spostiamo nel salone dove c’è il piano a coda…

Subito inizio ad improvvisare e non mi fermo più. Il mio problema di quando incontro un pianoforte nuovo è quello che questo essendo diverso ed unico, mi dà una creatività immensa, e quindi inizio a suonare e non la finisco più (infatti Giulio ad un certo punto supplicava di fermarmi mentre Ciro mi riempiva di spartiti da fare a prima vista 😀 ).

2° giorno: nel secondo giorno finalmente si và al mare. Se non mi sbaglio siamo andati a Castiglione dove l’ acqua è veramente limpida e ti fà venire una voglia di buttarti! La voglia era così grande che come un fesso mi sono tuffato in acqua con tutti i documenti e le gomme da masticare nel costume da bagno! ahahah d’altronde non è mica colpa mia se ero l’unico che aveva le tasche nel costume 🙂 Vedendo gli altri che si tuffavano non mi è mai parso per la testa che avevo in tasca qualcosa .

Nel secondo giorno siamo stati tutto il giorno a mare, e abbiamo fatto far sera.. bellissimo!

La sera poi siamo andati in discoteca..auguro davvero a tutti i ragazzi di farsi una serata nelle discoteche di Grosseto 🙂 🙂 tanta roba! 😀

3° giorno: dopo il devasto del giorno precedente nel terzo giorno la solfa cambia. Stranamente ci siamo svegliati tardi 🙂 ma subito ci siamo messi all’opera! Abbiamo registrato così le ultime lezioni del Beyer comprese di spiegazioni sul “che cos’è il beyer” e “come eseguire l’appendice” alla fine di questo. Poi appena finite le registrazioni abbiamo stampato un brano a 4 mani di mozart e abbiamo incominciato a studiarlo…divertentissimo! E’ davvero bello avere un compagno per il 4 mani! 😉

4° giorno: dato che l’ indomani sarei partito, abbiamo così deciso di spararci un’ altra grandiosa giornata al mare…Relax completo e abbiamo giocato a racchette! Ora, non so il livello dei giocatori esperti ma secondo me siamo degni di essere convocati ai mondiali 😀 😀 .

Ps. nel fare il bagno mi ero ancora dimenticato le cicche in tasca, i documenti questa volta li avevo messi al sicuro! Che disastro che sono!

La sera poi si và al Festival del Jazz invitati da Paola. Il trio era formato da musicisti di tutto rispetto: Mirabassi al pianoforte, Renzi al contrabbasso e Parker alla batteria.

Non sono un amante del Jazz ma devo dire che alcuni temi scelti per l’ improvvisazione erano sensazionali (il giorno dopo io e Giulio eravamo al pianoforte cercando di fare una trascrizione). Dopo il concerto e i dovuti complimenti ai maestri.. abbiamo intervistato Mirabassi! 🙂 Ebbene sì, l’ intervista uscirà a breve appena è pronta, non vedo l’ora di riascoltarla!

Tra l’altro c’è una cosa che ha detto che mi ha lasciato di stucco e che devo dire mi ritrovo molto. Le parole che ha usato sono queste: “Quando improvvisi ed hai nella tua mente una determinata melodia, e poi mentre cerchi di riprodurla ti esce qualcosa di sbagliato..non cambiare la nota che hai suonato per cercare quella che avevi in mente..ASCOLTA ciò che hai appena suonato che magari può essere anche molto meglio di ciò che volevi suonare”.

5° giorno: l’ultimo giorno ha sempre un filo di malinconia di sottofondo, tuttavia si è cercato di non pensarci troppo. Così siamo andati al mare, abbiamo fatto qualche ripresa e…dato che era l’ultimo giorno mi son detto: perchè non vado a conoscere più ragazze possibili? tanto poi oggi pomeriggio parto! ahaha E così fu! Sinceramente pensavo in più figuracce, invece..! 😀 😀

Questa volta prima di fare il bagno al mare ho controllato bene le tasche. Poso i documenti, poso le cicche, e poso i soldi dandoli a Giulio che li mette nel portafoglio dato che l’aveva portato.

Cosi ci tuffiamo ci asciughiamo e andiamo. Ci rechiamo alla stazione e purtroppo ci dobbiamo salutare. E’ stata davvero una bellissima esperienza, davvero, sono stato accolto nel migliore dei modi da tutti (Giulio ringrazia anche la tua famiglia!).

Così mi metto sul treno e parto. Mi aspettavano 8 ore di treno ed ero a digiuno dalla mattina. Così come per miraggio dopo un’ ora di viaggio passa il ragazzo col carrellino che offriva da bere e da mangiare. Non aspettavo altro! “Salve, mi dà 2 panini un pacchetto di patatine e 2 bottigliette d’acqua?” – “Si, certo… sono 9 euro”  – “Un attimo che non trovo i soldi eh?..Dove sono..? Porca vacca li ho lasciati a Giulio!!” Così ho dovuto restituire la roba e prima di poter bere un goccio d’ acqua e sgranocchiare qualcosa ho dovuto aspettare le 10.30 di sera!!! Mai sofferto la fame e la sete così tanto!

Di sicuro questa sarà una vacanza che non dimenticherò mai, nel bene e nel male! 🙂 🙂

Ps. Giulio ti ringrazio nuovamente per l’ ospitalità, per avermi sopportato anche con Paid 🙂 🙂 🙂 e per avermi offerto tutto tu, non dovevi! (a parte che un pò sei stato ricompensato coi soldi che mi son dimenticato da te! ahahah)

Grazie davvero, spero di rivederci presto e chissà magari un giorno di avviare il progetto del Piano-furgone! 🙂 😉

Pianosolo consiglia

15 COMMENTI

  1. bella chris deve eseere stato stupendo a 4 mani cn giuggio *.* , nn ti preocc pure a me è capitato che mi sn tuffato col portafogli (impermeabile però 😛 ) , poi stessa cosa cos'è sto piano furgone ???? un o porta un furgone e l'altro suona un piano al suo interno xD noo vabbe ho detto una stronzata, peccatto che per quanto riguarda l'antidoto-amico nn ne ho vabbe nn fa niente, anche se ho abbandonato il piano ormai vengo sempre a visitare pianosolo quasi tutti i giorni per vedere le vostre avventure, nn smetterlo mai di dirlo Chris sei un GRANDEEEEEEEEEEE

  2. "Rincoglionito come al solito!…" 🙂 Mamma mia! quanto è divertente pronunciare queste parole a te stesso quando hai dimenticato qualcosa…. finché non è successo niente.

  3. Le Basi sono state fatte, bene, ora al lavoro. Ci sono tantissimi futuri pianisti nelle vostre mani ricordatelo!!!!!!!!!!!!!. In bocca al lupo per il futuro.

  4. Wow deve essere stata una esperienza fantastica per entrambi!!
    Già prima dii conoscervi eravate una coppia affiatata, continuate così!
    Siete grandi!!

  5. Grande socio, bellissima storia e bellissima esperienza, anche per me!
    Speriamo di mettere in pratica almeno un decimo di ciò che abbiamo prospettato per il nostro futuro di soci 😀
    Mi raccomando, torna, che le fanciulle grossetane ti aspettano! 😉

LASCIA UN COMMENTO