Home Articoli Stefano Zenni, I segreti del jazz. Una guida all’ascolto, (Stampa Alternativa, 2008).

Stefano Zenni, I segreti del jazz. Una guida all’ascolto, (Stampa Alternativa, 2008).

0
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Stefano Zenni, I segreti del jazz. Una guida all’ascolto, (Stampa Alternativa, 2008)., 5.0 out of 5 based on 286 ratings

Stefano Zenni, I segreti del jazz. Una guida all’ascolto, (Stampa Alternativa, 2008).

Come si ascolta il jazz?
Esiste un metodo di ascolto?
E soprattutto: è utile possedere un metodo?
Ce lo spiega Stefano Zenni in un libro utilissimo, il suo I segreti del jazz. Una guida all’ascolto, (Stampa Alternativa, 2008).
Spesso quando si parla di ascolto e fruizione musicale, si tende a pensare a qualcosa di immediato che coinvolge esclusivamente il livello di percezione emotiva dell’individuo.
Le emozioni che la musica suscita, indipendentemente dal genere in cui è ascritta, sono universali, rientrano nella categoria delle capacità umane. Sappiamo anche che la musica provoca reazioni fisiche, vibrazioni sensoriali profonde e ancestrali, attinenti alla sfera dell’archetipico, qualcosa che non possiamo dominare con la mente. Storicamente esistono testimonianze a dimostrazione di questa teoria e numerosi saggi scientifici sull’argomento, su cui però non mi dilungherò in questa sede.
Ma esiste anche un livello di fruizione musicale che si attiva su un piano differente, quello della conoscenza e della comprensione. È questo il livello di ascolto che ci può essere utile anche nella costruzione di un’improvvisazione o nell’esecuzione di un brano.
Comprendere una struttura ed essere in grado di analizzarla ci consente di riconoscerne i codici, ci facilita l’acquisizione di un linguaggio, ci stimola alla rielaborazione di materiale presistente e alla creazione musicale. Come nel processo di scrittura utilizziamo conoscenze grammaticali, sintattiche e l’esperienza della lettura, così nella musica dobbiamo necessariamente conoscere la teoria, l’armonia ma anche quelle esperienze musicali che potremmo definire letteratura musicale per il loro valore di modelli universali.
Il libro di Zenni ci accompagna in un viaggio attraverso la storia del jazz e del vasto scenario socio-culturale che lo ha creato e modificato nel tempo, Ma la storia che Zenni ci racconta non resta vuota teoria, è bensì arricchita da un’ampia documentazione sonora.
L’analisi dell’evoluzione e delle strutture del jazz viene condotta attraverso esempi concreti di standard nell’esecuzione dei grandi musicisti jazz di tutti i tempi, il cui ascolto è possibile grazie al cd allegato al libro, che contiene più di 100 tracce mp3. I brani citati non compresi sul cd sono comunque disponibili per l’ascolto on line sul sito di Stampa Alternativa all’indirizzo http://www.stampalternativa.it/wordpress/i-segreti-del-jazz/.
Un libro prezioso, dunque, che ha il pregio di essere scientificamente valido e contemporaneamente divulgativo.

Acquista I segreti del jazz. Una guida all’ascolto. Con CD-ROM

Pianosolo consiglia

LASCIA UN COMMENTO