Home Articoli Altro “Liberate i pianisti classici”

“Liberate i pianisti classici”

0
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
“Liberate i pianisti classici”, 5.0 out of 5 based on 285 ratings

Mostra immagine a dimensione interaCosì Keith Jarrett, pianista-talento internazionale del Jazz, lancia una provocazione al mondo della musica classica. Jarrett ritiene che i pianisti classici non siano liberi, ma vincolati ed incatenati ad uno spartito musicale. Ed in effetti, se ci pensate bene, quanti di voi avrebbero voluto suonare un pezzo e senza spartito non siete riusciti a combinare nulla? È questo quello che Keith Jarrett cerca di comunicare al mondo classico, troppo legato ad un foglio scritto, quasi incapace di liberare la fantasia ed abbandonare i sensi ad una creazione istantanea, dove ogni emozione può esprimersi, sopratutto quelle più intime e personali. Egli non nega che suonare un notturno di Chopin può scatenare nell’ascoltatore emozioni fortissime, ma afferma che lo spartito parla poco del suo esecutore. Le differenze di interpretazione sono così minime ad alti livelli che ogni esecuzione finisce per assomigliarsi. Se volete approfondire questo argomento vi lascio al link dell’articolo/intervista del corriere on-line. Buona lettura

Pianosolo consiglia

LASCIA UN COMMENTO