Home Classica Lezione di Solfeggio n.10 – Le Semicrome

Lezione di Solfeggio n.10 – Le Semicrome

17
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Lezione di Solfeggio n.10 - Le Semicrome, 5.0 out of 5 based on 287 ratings

In questa lezione di solfeggio parliamo di nuovi valori musicali: le semicrome. Questo è il nome di quelli che noi chiamiamo comunemente “sedicesimi” e valgono metà delle crome.

Se una croma occupa nel solfeggio metà movimento, la semicroma occupa un quarto del movimento. Di conseguenza per ogni metà movimento ci possono stare fino a 2 semicrome, per un totale di 4 semicrome per ogni quarto.

 

Qui di seguito puoi trovare il video con la spiegazione:

Qui invece trovi di seguito la possibilità di scaricare 3 esercizi di solfeggio inerenti a questa lezione. Sono esercizi di poche battute che contengono al loro interno delle semicrome. All’interno del video abbiamo visto velocemente come solfeggiarli, perciò non ci dovrebbero essere grandi problemi 😉 .

Esercizi

Per scaricare gli esercizi è necessario che tu fai click sulla “freccina” rivolta verso il basso che trovi accanto al simbolino della stampante.

Se hai problemi con gli esercizi, non devi far altro che lasciare un commento qui sotto! 😉

Pianosolo consiglia

17 COMMENTI

  1. Buongiorno Christian, non riesco a scaricare gli esercizi di questa lezione. Complimenti per i tuoi corsi, sono estremamente chiari!

  2. Le lezioni sono chiarissime; questa, la n.10, risulta a me meno comprensibile a cusa del sottofondo musicale che mi risulta un po’ fastidioso.
    Grazie comunque
    angeloa

  3. caro christian scusa se ti disturbo.sto seguendo la tua lezione sulle semicrome num.10.
    volevo farti una domanda: perche si solfeggia ‘fasolasi e non fasollasi??? sola come sola e non solla??Ti ringrazio e scusami ciao Ferruccio Torino

    • Ciao Ferruccio, nessun disturbo! Per due ragioni principali. La prima per una questione di Accenti. Fra tutte le successioni di note, Sol e La, sono le uniche due note dove si andrebbe a raddoppiare una lettera (“l”) e a creare una sorta di accento che messo in determinate parti può essere considerato un errore. La seconda ragione è più per questioni pratiche. Quando si arriverà a solfeggiare le biscrome e le semibiscrome, non si avrà il tempo materiale per raddoppiare la “l”, e uscirà spontaneo dirne una sola. A questo punto è conveniente dirne una sola sin dai tempi più lenti 😉

  4. ti ringrazio Christian per le tue lezioni, perchè anche chi come me che purtroppo da giovane non ha potuto imparare la musica per un qualsiasi motivo, ora può farlo in tua compagnia, visto la chiarezza e la semplicità con cui le presenti. Grazie ancora. Monica

  5. Queste lezioni di solfeggio sono un toccasana non soltanto per chi suona il piano ma per chiunque sia interessato a comprendere la musica in generale, ho notato che con il solfeggio migliora anche la lettura a prima vista delle note, aspetto con impazienza altre lezione, grazie 🙂

  6. io personalmente, mi sono sempre confuso con il conteggio del tempo quando si usa queste: "e — e —–e —–e".
    Esempio: "Uno eeeee Due eeeeee Tre eeee……."
    Allora ho trovato un sistema che sembra funzionare per me e che vi propongo.

    In primo luogo, occorre capire il concetto del rapporto dei tempi tra di loro. Esempio: Una semiminima vale 02 croma, oppure 04 semicroma, etc…

    Poi mentre suoni, considerare come se una semiminima (fitizia) fosse stata dettagliata fino a queste croma e semicroma. Dunque, occorre suonarli entro il tempo che avrebbe consumato questa semiminima se questa semiminima non fosse cosi dettagliato a croma e semicroma.

    Per esempio, se prendiamo il Solfeggio n.10/ a di Christian, vediamo che IN OGNI MISURA, la prima battuta è composta di queste 04 semicroma. Dunque durante questa prima battuta, suono le quatre note di queste semicrome. Faccio dunque una battuta ma suono le quattre semicrome entro e non oltre questa prima battuta.

    Suonerò quindi: Do re mi fa Soooooooool, Re Mi Fa Sol Laaaaaaaaaa, etc……

    Attento a assicurare una durata corretta e regolare ad ogni croma o semicroma. Per questo c'è un esercizio:

    Battere la mano sinistra sulla gamba sinistra e la mano destra sulla gamba destra. Ad ogni battuta della mano sinistra, battere 02 volte , 04 volte la mano destra, Secondo quindi un rapporto: 1/2, 1/4.

    Non so se siete riusciti a comprendere tutto quanto scritto, è molto difficile a spiegare. Se avete domande, scrivete nei commentari.

  7. Confermo, audio troppo alto. Consiglio per esperienza di mettere l'audio di sottofondo ad almeno -18 o -24 rispetto alla traccia del parlato. Complimenti comunque 🙂

  8. Grazie Christian, perfetto come sempre!!!…mi era venuto un patema d'animo all'inizio, perchè il sottofondo musicale era un pò alto,…fortunatamente quando è iniziata la nuova lezione è sparito.

LASCIA UN COMMENTO