Home Articoli John Taylor, Julian Argüelles, Palle Danielsson, Martin France, Requiem for a Dreamer...

John Taylor, Julian Argüelles, Palle Danielsson, Martin France, Requiem for a Dreamer (2011, CamJazz)

0
GD Star Rating
a WordPress rating system
CONDIVIDI
John Taylor, Julian Argüelles, Palle Danielsson, Martin France, Requiem for a Dreamer (2011, CamJazz), 5.0 out of 5 based on 285 ratings

John Taylor, Julian Argüelles, Palle Danielsson, Martin France, Requiem for a Dreamer (2011, CamJazz)

Requiem for a Dreamer” è il titolo di un’intervista immaginaria dello scrittore Kurt Vonnegut, autore di testi cult della letteratura fantascientifica, eclettico e versatile nella sua mescolanza di elementi fantastici, satirici, politici, al suo alter ego fittizio, personaggio nato dalla sua fertile fantasia, lo scrittore, appunto, Kilgore Trout. Il testo fu pubblicato nel 2004 sul magazine “In These Times”. Il pianista John Taylor omaggia lo scrittore con questo lavoro in studio realizzato con gli altri elementi del suo trio: Palle Daniellson al contrabbasso, Martin France alla batteria e, ospite di questo progetto, Julian Argüelles al sax tenore e soprano. I sette brani che compongono questa produzione commissionata nel 2007 dall’Università di York (EN) nascono dopo un sapiente lavoro di lettura dello scrittore, quella lettura accorta che fa presto a trasformarsi in suggestione e che qui si compie come atto musicale, confermando la prolifica curiosità intellettuale di un musicista come John Taylor. Un disco colto dunque, in cui la lettura può svolgersi su piani differenti. Linee melodiche fluide, quasi cantabili, ora affidate al sax di Argüelles, ora al piano di John Taylor, un’idea di semplicità, quasi di svolgimento narrativo, ma al tempo stesso anche una sostanziale complessità armonica, una finezza dinamica e ritmica che ci fanno pensare ad un laborioso lavoro di costruzione del suono, quasi una cesellatura. Oscuro, eppure radioso, cameristico, eppure a tratti solistico il clima di queste sette composizioni, un’atmosfera intima in cui dai suoni emergono i personaggi e il clima di alcune delle pagine più note di Kurt Vonnegut, da “Ghiaccio 9” (“Ice 9”) al Billy Pilgrim di “Slaughterhouse-Five” (“Unstuck in Time”).

Track list: 1.Requiem for a Dreamer/ 2.Somebody I used to be/ 3.Ice 9/ 4.Unstuck in Time/ 5.So it Goes/ 6.Calypso 53/ 7.Requiem 2

Pianosolo consiglia

LASCIA UN COMMENTO