Home Speciali Altro speciali Incontro con Claudio Brizi. Cremona MondoMusica 2015

Incontro con Claudio Brizi. Cremona MondoMusica 2015

0
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Incontro con Claudio Brizi. Cremona MondoMusica 2015, 5.0 out of 5 based on 5 ratings

Incontro con Claudio Brizi. Cremona MondoMusica 2015

a cura di Paola Parri e Giulio Cinelli

claviorgano

In occasione di Cremona Pianoforte abbiamo incontrato l’organista e compositore Claudio Brizi, che ci ha accompagnato in un affascinante viaggio attraverso strumenti antichi e molto particolari, spesso dei veri e propri ibridi.
In questo video ci ha illustrato alcuni pezzi della sua collezione di strumenti.


L’occasione dell’esposizione di questi strumenti a Cremona è fornita da un festival che si svolge ogni anno dal 15 maggio al 15 giugno a Trapani intitolato “Le orchestre nascoste” organizzato dall’Ente Luglio Musicale Trapanese durante il quale è possibile ascoltarli in occasione dei numerosi concerti in programma.
Claudio Brizi ci ha illustrato le caratteristiche di un organo unico al mondo, costruito da Francesco La Grassa a partire dal 1836 in 11 anni, dotato di sette tastiere suonabili a 12 mani, una vera e propria orchestra.
Su questo organo Claudio Brizi ha trascritto, registrato e diretto il Piano Concerto di Robert Schumann e il Concerto n.2 di Chopin per pianoforte e orchestra.
A questo link potete vedere una mini clip con il finale del primo movimento del concerto per pianoforte e orchestra di Robert Schumann, una sorta di cartone animato nel quale gli strumenti raffigurati sul prospetto dell’organo prendono vita e danzano a suon di musica:

Qui invece trovate una registrazione dello stesso concerto trascritto da Claudio Brizi in cui oltre all’organo, lo strumento solista, il pianoforte, è suonato da Costantino Catena ed è un Erard del 1847 di proprietà dello stesso Brizi.

La nostra scoperta di strumenti ibridi continua con il claviorgano, uno strumento costituito da un organo e da un clavicembalo che possono essere suonati sia separatamente che insieme. Uno strumento antichissimo di cui si ha una prima notizia alla fine del Quattrocento e che è stato in tutte le più importanti corti italiane
A questo link potrete sentire Claudio Brizi che interpreta la Ciacona in D di Johann Pachelbel al claviorgano:

O ancora la Passacaglia BWV 582 di J.S.Bach:

A questo link potete ascoltare la Follia di Bernardo Pasquini seguita da un’improvvisazione nel corso della quale Claudio Brizi fa cantare il pubblico presente in sala:

Arte figurativa e musica si intrecciano in questo video che ci mostra un affresco della cupola di Saronno “Concerto degli angeli musicanti” di Gaudenzio Ferrari. Colonna sonora alla galleria di foto di è la Partita in do maggiore di Domenico Zipoli suonata al claviorgano. La particolarità del video è data dal fatto che nell’affresco del Ferrari sono rappresentati degli angeli musicanti che suonano strumenti di fantasia ibridi, “delle chimere, degli ircocervi musicali” come afferma Brizi, praticamente claviorgani ante litteram:

Se invece volete vedere le fasi di smontaggio di un claviorgano, ecco un interessante video che ve le mostrerà:

La nostra esplorazione prosegue con un altro strumento, l’harmonium celesta, sul quale Claudio Brizi afferma: “Quando si pensa all’harmonium non si è coscienti di solito della vera capacità espressiva dello strumento. Per dare un’idea delle sue incredibili possibilità invito ad ascoltare un estratto del quintetto per clarinetto di Mozart suonato in una versione ottocentesca per harmonium e pianoforte.”


Sapevate che il Preludio dall’opera numero 18 di Frank nasce nella sua prima versione per pianoforte e harmonium? Eccone una esecuzione su pianoforte Erard del 1847 e Harmonium-Célesta Mustel:

Vi proponiamo questo ultimo link in cui harmonium-celesta e claviorgano suonano insieme una versione totalmente improvvisata di una parte di un concerto di Handel:

Per approfondire la conoscenza di questi strumenti e per conoscere l’attività artistica di Claudio Brizi vi invitiamo a visitare il sito web del Maestro.

Pianosolo consiglia

LASCIA UN COMMENTO