Home Speciali Altro speciali Impara a suonare, vivi più a lungo

Impara a suonare, vivi più a lungo

5
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Impara a suonare, vivi più a lungo, 4.9 out of 5 based on 32 ratings

Impara a suonare, vivi più a lungo

 

studiare-musica-fa-bene

Suonare il pianoforte, studiare la musica in genere, impegna tutti e due gli emisferi del cervello e procura grandi  benefici in età adulta. In particolare lo studio di uno strumento a tastiera migliora le capacità motorie, la coordinazione degli occhi e delle mani, soprattutto nei bambini in età scolare e la capacità di ragionamento spazio – temporale. Un bambino che suona è un adulto con una grande capacità di concentrazione ma soprattutto con una buona dose di autostima.

I ricercatori dell’American Psychological Association hanno studiato 70 adulti sani tra i 60 e gli 83 anni anni, li hanno divisi in gruppi a seconda del livello dell’esperienza musicale. Risultato: i musicisti sono riusciti meglio nei test cognitivi rispetto a coloro che non avevano mai suonato uno strumento. “Facilmente spiegabile.” – dice Brenda Pladdy coordinatrice della ricerca – “Chi ha studiato la musica ha mantenuto il cervello in forma, perché l’attività musicale funziona da esercizio cognitivo, quindi è in grado di affrontare le sfide dell’invecchiamento”.

Anche in Italia sono stati fatti studi simili: la Società Europea di Neurologia di Praga ha presentato, durante il 22° Convegno Europeo, uno studio dell’Ospedale Universitario San Raffaele di Milano. Le persone che non avevano mai studiato musica, dopo due settimane regolari di studio sulla tastiera di un pianoforte erano più attive perché il loro cervello era cambiato in modo misurabile. Dalla ricerca è emerso anche un migliore coordinamento ed equilibrio tra i due emisferi del cervello, una migliore risposta agli impulsi nervosi nella muscolatura delle dita. Sottoposta a continui stimoli musicali, infatti, la materia grigia delle parti del cervello coinvolte nel movimento coordinato, risultava ricostruirsi in modo più  strutturale. In pratica è come se il cervello ricostruisse se stesso in risposta a un dato compito.

Senza contare un altro lunghissimo elenco di benefici, testimoniato da studi autorevoli internazionali: i bambini che seguono regolarmente lezioni di musica hanno un’ottima capacità di lettura rispetto ai loro coetanei non musicisti. Leggete qui. Suonare impegna la costanza, migliora la capacità organizzativa e la gestione del tempo, aumenta il senso di responsabilità, aumenta la capacità di ascolto, insegna disciplina.

Per non parlare poi dei benefici che Alice Mado, Mirella Manfredi e Roberta Adorni dell’Università di Milano con Alberto Zani dell’Istituto Bioimmagini e Fisiologia Molecolare del Cnr di Milano hanno dimostrato nelle terapie contro la dislessia. I ricercatori hanno sottoposto a studio 30 soggetti divisi in due gruppi: musicisti e non musicisti. Dalle tomografie sui soggetti interessati risulta che nel leggere note e parole, i musicisti attivano aree cerebrali diverse da quelle osservate nelle persone che non conoscono la musica. ”Quando leggono un testo – spiegano gli scienziati – le persone prive di conoscenza musicale attivavano la corteccia occipito-temporale di sinistra e il giro occipitale inferiore di sinistra. Nei musicisti, invece, queste stesse regioni sono risultate attive sia sull’emisfero sinistro (come nei non musicisti) che, inaspettatamente, sull’emisfero destro”. La scoperta potrebbe aiutare i bambini dislessici in cui la regione cerebrale normalmente reclutata per l’analisi visiva delle parole si attiva in modo atipico o insufficiente. ”Lo studio della musica – suggeriscono gli esperti – potrebbe aiutare a sviluppare un circuito cerebrale comune a parole e note contribuendo cosi’ a compensare i deficit di lettura”.

Insomma la musica fa bene, ascoltiamola; se possibile suoniamo (a qualunque età!) perché migliora sicuramente la nostra vita.

 

Pianosolo consiglia

5 COMMENTI

  1. ….l’articolo dice la verità…ma la cosa bella è vederla funzionare su se stessi! 64 anni suonati, uno studio convinto della musica in tarda età e l’accorgersi che le capacità mnemoniche migliorano, ed anche la mobilità articolare….quindi la soddisfazione di una vita più felice…e posso assicurarVi che non sono sponsorizzato!! Buona Musica a tutti

LASCIA UN COMMENTO