Home Articoli Altro Il potere di seduzione del pianoforte

Il potere di seduzione del pianoforte

7
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Il potere di seduzione del pianoforte, 5.0 out of 5 based on 287 ratings

Seduzione pianoforte Cari colleghi pianisti…alcuni di noi non si immaginano nemmeno minimamente  che incredibile arma di seduzione sia  il pianoforte. Ovviamente nessuno ha iniziato a suonare il pianoforte per questo motivo, ma in passato qualcuno sì. Infatti si dice che l’ arte del “suonare uno strumento” sia nata per conquistare cuori. Spesso si fa questo paragone tra uomo e natura: così come il pavone quando vede un esemplare femmina apre tutta la sua coda mostrando a pieno il suo fascino, così l’uomo suona uno strumento per avere una marcia in più. Si sente spesso dire che lo strumento più appropriato per sedurre sia il sax. Con quel suo timbro davvero particolare è perfetto per creare l’ atmosfera giusta. Ma noi sappiamo che il pianoforte in questo ambito ha qualcosa di speciale.

Pensando alla prima esibizione della ” Patetique” di Beethoven, nel secondo tempo, molte donne si sentirono svenire. La sonata n.14 ” Moonlight “, dedicata alla contessa Giulietta Guicciardi è una delle sonate più intime di tutti i tempi. La dedica aveva infatti un doppio fine, non solo quello economico. Beethoven riuscì ad avere molte donne (sono menzogne quelle che dicono che Beethoven non ebbe mai una donna, solo perché non era sposato è assurdo affermare questo!).

Le musiche dedicate (come “Per Elisa”) furono sempre dei grandi colpi per i musicisti, tanto è vero che nel periodo romantico, furono riprese le serenate. Le serenate nacquero nel Medioevo o nel Rinascimento, ed avevano la stessa funzione che intendiamo noi oggi, ovvero erano delle composizioni (suonate o cantate) che venivano dedicate alla propria amata, ad un’amica o ad un’ altra persona cara, con lo scopo di onorarla. Così nel 1800 venne ripresa la serenata, grande testimonianza di ciò fu la Serenata di Schubert.

Il brano è per pianoforte e violino ma esiste anche la trascrizione per solo pianoforte.

Purtroppo il timido Schubert non ebbe mai il coraggio di dedicarla a nessuna donna, ma la scrisse per suonarla e ardere d’ amore nella propria stanza per la sua Lei con il proprio pianoforte.

Dall’età classica si passa al Romanticismo e il pezzo da 90 del Romanticismo è Frederic Chopin.

Tutti noi sappiamo che Chopin scrisse le più romantiche composizioni per pianoforte mai udite, tra le quali amo ricordare il Nottorno op.9 n.2

ma tanti altri come anche il Notturno in Do#min op.27 n.2.

Dopo Chopin venne Listz, il più grande seduttore di tutti i tempi (dopo Casanova 🙂 ) , che con il suo virtuosismo, le sue ottave doppie e le sue frenetiche volate, spezzava cuori ovunque (questo era accompagnato da una buona dose di fascino personale). Listz nonostante fosse sposato tradiva la moglie. Lei sapeva e sottostava perchè il fascino del compositore era troppo irresistibile. Perché Listz era così irresistibile? Per il suo virtuosismo? Per il suo romanticismo accostato al virtuosismo? Questo non lo so dire, ma una cosa è certa, il suo essere “imbattibile” al pianoforte (in termini di virtuosità) gli creava la fama di migliore. Le sue ottave in “fff ” creavano un’atmosfera irripetibile che nessuna aveva mai sentito prima, un suono così vigoroso non si udiva quasi mai. Vale lo stesso principio di oggi, del perché la maggior parte delle donne vengono attratte dagli uomini con i macchinoni grossi (in particolare ai Suv come l’ X-5 o il Touareg della Volkswagen ) perché sono simbolo di potere e di virilità. Ma per far emozionare una donna al pianoforte non c’è per forza bisogno di essere dei virtuosi del pianoforte, anzi! Bisogna emozionare con pezzi che prima di tutto devono emozionare noi. Se noi suonando un pezzo non proviamo niente, come possiamo pretendere che chi ascolti provi qualcosa? Quando si suona, per tasmettere qualcosa bisogna essere coinvolti. Così se noi siamo coinvolti all’ 80% emotivamente (la sensazione di toccare i tasti, sfiorarli, riaffiorano i pensieri personali ecc..) uno spettatore sarà coinvolto 50% o meno perché non ha il rapporto diretto con lo strumento che produce questa incredibile melodia. Perciò dobbiamo dare tutti noi stessi.

Provate ad eseguire ad un programma di sala Beethoven al primo tempo (“Al chiaro di Luna”, “Appassionata” ecc.) e Chopin al secondo (Notturni, Preludi ecc.) , e vedrete che successo formidabile avrete con le ragazze tra il pubblico 😉

Il pianoforte è dotato di sonorità uniche! Sfruttatele a 360° gradi!

Pianosolo consiglia

7 COMMENTI

  1. Ciao a tutti, vorrei suonare il piano per la mia ragazza, una serata romantica ma non so come fare fuori da casa mia… dove e come si trova un pianoforte per fare una cosa simile?

  2. Ciao Cristian, hai mai provato a suonare alla tua ragazza la trascrizione di di Ferruccio busoni – Bach bwv 564 “adagio”? Se “love me” la fa collassare,questo brano la farà piangere d’amore per tè.

    Ciao a presto.

    (p.s. complimenti suoni veramente bene!!)

    • Ragazzi non sò se qualcuno di voi conosce “l’addio al piano” di beethoven, ma con quello le donne volevano che abusassi di loro…
      Comunque proverò anche i vostri consigli… potremmo raddoppiare le prede 😀

  3. Ciao Ciro! Grazie dei complimenti, io invece ho la mia ragazza che ogni volta che le suona uno di questo pezzi o qualcosa di romanticissimo come “love me” di Yiruma mi collassa 🙂 🙂 🙂 🙂 e non solo lei! :p ihihi la buona musica è sempre ben apprezzata solitamente, e secondo me anche da tua moglie che dice di non apprezzare… a presto!

  4. Caro Christian, auguro di cuore a tutti i giovani pianisti di conquistare il Gentil sesso con una melodia del tipo notturno di chopin, e non ti nascondo che piacerebbe anche a me emozionare mia moglie con la musica suonata al pianoforte ma aime’ la emoziono solo se le porto il caffe’ al letto se metto apposto il bagno e le scarpe oppure faccio tutte quelle faccende di casa che Giulio conosce bene del tipo accendere il camino o barbecue cucinare costruire un corrimano o un’inferriata a protezione dei ladri, ho dovuto comperarmi una p85 che tu conosci bene per non disturbarla durante il giorno e premetto che non funziona neanche con l’autovettura ho un mercedes classe c 240 6 cilindri 2600 di cc. + un cbr 600 rr da pista ,come vedi le donne sono molto strane. Comunque per fortuna il pezzo della barilla nuovo “forrest gump” sono alla 3^ pagina questa melodia si che mi emoziona poi mi sono adoperato per la mano sx con l’esercizio da te inserito nel programma ed ho riguardato il 93 94 95 95 del bayer come mi ha detto Giulio se no a sto’ giro lo faccio arrabbbiare. Beati voi che siete giovani spero che le ragazze appprezzino di piu’ la musica celestiale del pianoforte, purtroppo io me la godo da solo a mia moglie come scritto si emoziona diversamente. In bocca al lupo a grazie per i tuoi splendidi articoli.

LASCIA UN COMMENTO