Home Articoli Altro I miei 2 libri di Studi preferiti

I miei 2 libri di Studi preferiti

4
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
I miei 2 libri di Studi preferiti, 5.0 out of 5 based on 285 ratings

Sarà il caldo o non so cosa, ma non riesco più a suonare brani molto impegnativi, che richiedono l’utilizzo del pedale, brani molto espressivi oppure brani anche molto lenti.

Solitamente io sono uno che adora gli Adagi, ogni tanto quando sono in vena mi suono tutti gli adagi di tutte le sonate di Beethoven 🙂 🙂 . Solo che beh, probabilmente il caldo non me li fa gustare più come prima perciò mi sto dedicando totalmente agli studi. Chi mi conosce sa che per studi non intendo di certo l’ Hanon o scale e arpeggi (anche se quest’ultime andrebbero fatte sempre), ma intendo studi veri e propri, 2 paginette di note da studiare, vedere passaggi astrusi che attraverso lo studio migliorano pian piano, vedere il miglioramento subito dopo lo studio. Questo per me significa esercitarsi.E per questo scopo certamente mi affido spesso a due libri per me molto carissimi. Si tratta del Cramer (che puoi scaricare quì)e del Pozzoli (e lo puoi scaricare a questo link).

Il Cramer è famosissimo inoltre questi studi erano molto cari a Beethoven e un motivo ci sarà 🙂 , inoltre sono proprio belli e virtuosistici. O meglio, alcuni sono semplici ma sembrano virtuosistici il chè è perfetto per tirarsela coi propri amici 😀 .

Poi vi è il Pozzoli. Questo libro lo adoro. Non c’è un esercizio che non ho fatto, amo tutti i brani di questo libro, sono uno più bello dell’altro e in particolare ho molto a cuore il numero 14 che sembra più che un esercizio una sonata per pianoforte , ascoltate:

Non è uscita proprio benissimo ma..si sente che è bellissimo come studio! Voi cosa ne pensate?

Pianosolo consiglia

4 COMMENTI

  1. Io come studi preferisco "l'arte di rendere agili le dita" di Czerny….naturalmente non considerando gli studi di Chopin gli studi trascendentali e quelli su paganini di Liszt e gli studi sinfonici di Schumann !!!

LASCIA UN COMMENTO