Home Articoli Federica Fornabaio – Federica Fornabaio (ascolta il cd)

Federica Fornabaio – Federica Fornabaio (ascolta il cd)

9
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Federica Fornabaio – Federica Fornabaio (ascolta il cd), 5.0 out of 5 based on 287 ratings

Federica Fornabaio è nota a tutti per aver diretto l’orchestra di San Remo durante il Festival e aver “portato” alla vittoria proprio le canzoni assegnatele.

Nata nel 1982 è stata la terza donna a dirigere l’orchestra a Sanremo e il più giovane direttore d’orchestra nella storia del festival. Da “giovane” ha studiato pianoforte e conseguito alcuni esami al conservatorio. La mancanza di un diploma però non le ha negato, grazie a queste magnifiche esperienze e alla sua immagine, di sfoderare un album per pianoforte che prende proprio il suo nome: Federica Fornabaio. Dai primi pezzi che ho ascoltato… ho notato subito una certa somiglianza con Allevi ed Einaudi.

Prima di affrettare conclusioni vorrei farvi ascoltare l’intero Cd, grazie ad una playlist di Youtube: http://www.youtube.com/view_play_list?p=3E0C046DB8D8ACFF&search_query=federica+fornabaio

Cosa ne pensate?

Pianosolo consiglia

9 COMMENTI

  1. accettiamo tanti pianisti + o – talentuosi, accettiamo anche lei che è pure una bella donna senza farci troppi problemi, ovvio comprare il cd no! mi sembra esagerato!..ascoltiamo i suoi brani su youtube al massimo!

  2. Io però penso che anche la volontà di non variare troppo il tema possa essa considerata un modo di espressione soggettivo. A volte mi capita di leggere critiche a compositori che modulano poco, che non usano tante variazioni armoniche, che ripetono molto. Ma pochi si soffermano a pensare al fatto che magari proprio quello volevo dire il compositore, che l’aggiunta “a tavolino” di abbellimenti e variazioni anche se avrebbe reso il pezzo più “interessante” per chi cerca quelle cose, l’avrebbe reso anche “disonesto” cioè consciamente modificato per placare una critica piuttosto che inconsciamente lasciato fluire dalla propria creatività.

    Io ho spesso a che fare con processi creativi (scrivo storie, disegno, modello la creta, suono) e mi accorgo sempre di più che il vero processo creativo è spontaneo e quasi avviene in trance.

    I mezzi che ci permettono di esprimere quello che sentiamo venire da dentro (ad esempio le regole dell’armonia o della prospettiva) agiscono in maniera spontanea e noi non ce ne rendiamo conto.

    Proprio come il linguaggio: senza la conoscenza teorica del linguaggio non potremmo comunicare con le parole,
    ma mentre stiamo litigando con qualcuno le parole vengono da se e non stiamo di certo a pensare alla sintassi o alle cogniugazioni, eppure i mezzi d’espressione solo lì, ci servono, ma la vera entità conscia e il vero fulcro della “novità” del nostro discorso è nelle parole.

  3. P.S. la coda del brano postato qua ( Il Giorno Più Bello ) è una citazione ( spero non plagio ) della coda di: Canario, Fantasia para un Gentilhombre di J. Rodrigo.

    …e non è l’unica che ho sentito 😉

  4. Nicholas, …probabilmente hai ragione e condivido in buona parte i post che hai scritto su “La musica è finita o infinita? L’Aforisma n.3” però davvero la Fornabaio è proprio piatta. Lei stessa in un’intervista dice che “i suoi brani sono pensati per orchestra” magari renderebbero di più, anche solo per la diversità timbrica dei vari strumenti.
    Senza pensare al jazz che davvero sia nella ricerca dei colori della parte armonica che nella varietà di fraseggio di quella melodica ha la possibilità di rendere sempre nuovo anche un tema tipo ” tanti auguri a te “, la Fornabaio, se paragonassimo la musica a un discorso, sarebbe come se parlasse quasi solo con luoghi comuni, citazioni e proverbi.
    Penso che 15.18euro ( cdbox.it ) non li spenderei MAI per il suo cd, sono troppi… ( calcolando che Bollani Carioca lo vendeva a 10euro ).

    In ogni caso questo è il mio pensiero e sono i miei gusti, sicuramente molti la penseranno al contrario di me….

  5. …carini i brani e tecnicamente piu’ che abbordabili ma francamente nulla di nuovo né di speciale… speriamo che non si inventi anche questa di dire che la sua è musica classica contemporanea 😉

    Una domanda… se gli stessi brani li avesse composti e suonati un ometto, sarebbe stato comunque prodotto???

LASCIA UN COMMENTO