Home Articoli E. Pieranunzi, F. Casagrande, Double Circle (2015 Cam Jazz)

E. Pieranunzi, F. Casagrande, Double Circle (2015 Cam Jazz)

0
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
E. Pieranunzi, F. Casagrande, Double Circle (2015 Cam Jazz), 5.0 out of 5 based on 1 rating

E. Pieranunzi, F. Casagrande, Double Circle (2015 Cam Jazz)

doublecircle

Una melodia ininterrotta che si lascia cantare dalla prima all’ultima traccia questo “Double Circle”, nuova registrazione di Enrico Pieranunzi per Cam Jazz, questa volta in duo con il chitarrista Federico Casagrande. Undici tracce originali, fatta eccezione per “Belja Flor” (N.Silva, A.Tomás Jr, N.Cavaquinho), che traboccano di quella inconfondibile poesia del pianoforte di Pieranunzi che incontra la chitarra acustica di Casagrande.

Due generazioni differenti, due strumenti musicali dotati di carattere, in genere solisti, che in questo contesto riescono a passarsi il testimone, assumendo in maniera alternata ora ruolo ritmico ora ruolo melodico, bilanciandosi vicendevolmente in un giusto spazio che ne fa un duo impeccabile.

L’estetica di “Double Circle” sembra nascere spontaneamente dalla parte migliore del portato melodico musicale non solo delle grandi song della tradizione, ma in parte anche dal retaggio delle composizioni classiche, che entrambi gli artisti conoscono molto bene, con un gusto narrativo che abbandona la sintesi o la possibile astrazione, molto familiari al contemporaneo, e che piuttosto si trasforma in verso poetico, in schizzo lirico, espressione di una quieta armonia.

Un disco coerente in tutto il suo svolgimento. La traccia di apertura, “Anne Blomster Sang”, suona come una sorta di malinconica gentilezza che dà un imprinting definitivo alle restanti composizioni. La stessa delicatezza, che ritroviamo nell’omaggio finale di Pieranunzi all’amico Charlie Haden, ma anche nella parte centrale di “Double Circle”, in episodi come “Clear” o in “No-Nonsense”, pare appartenere all’universo sonoro di Pieranunzi e Casagrande come voce comune per un’introspezione che si apre allo slancio comunicativo e spontaneo di un’emozione. I pezzi più ritmici, come “Sector1”, “Dangerous Paths” o “Sector2”, suggeriscono ulteriori spunti al già ricco immaginario musicale dei due artisti, creando una proficua alternanza senza rompere l’atmosfera generale.

Un ascolto in anteprima di “Double Circle” sul sito della Cam Jazz.

Tracklist: 1.Anne Blomster Sang/ 2.Periph Start/ 3. Sector/ 4Clear/ 5.Dangerous Paths / 6.Within the House of Night/ 7.No Nonsense/ 8.Beija Flor Start/ 9.Disclosure / 10. Sector 2 /11. Charlie Haden

Pianosolo consiglia

LASCIA UN COMMENTO