Home Speciali Altro speciali Diario di un neofita – ottava lezione

Diario di un neofita – ottava lezione

2
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Diario di un neofita - ottava lezione, 5.0 out of 5 based on 289 ratings

L’ottava lezione è stata molto importante.

Non tanto (o non solo) per i contenuti della stessa, comunque significativi, ma piuttosto per la percezione che finalmente ho avuto, e l’insegnante mi ha confermato, di aver intrapreso il percorso giusto. Sia nella direzione che nell’impostazione dello studio.

Ma andiamo con ordine: la lezione è iniziata con il solfeggio parlato degli esercizi 3,6 e 8 del Pozzoli. La velocità di lettura non è ancora ottimale, mentre la suddivisione nei movimenti nei tempi binari mi risulta semplice. La prossima lezione vedremo i tempi ternari e quaternari.

Sul Beyer ho proseguito lo studio a mani unite degli esercizi 7 e 8. Quest’ultimo in particolare all’inizio mi sembrava monotòno e non riuscivo a tenere il tempo. Poi l’ho immaginato come una ninna nanna e mi è venuto meglio.

Del Bergmueller (che mi piace di più del Beyer per via della mano sinistra in chiave di basso) abbiamo visto gli esercizi 12 e 13 a mani unite.

Infine il mitico Cesi-Marciano, con la Canzonetta di Mozart (brano n.3) che credo mi porterò avanti per un bel po’. Lo studio a mani separate procede benino, devo stare più attento alla tecnica che, preso dalla melodia, tendo a tralasciare un po’. La prossima settimana proveremo a mani unite…

Per quanto riguarda la teoria, abbiamo visto i movimenti del solfeggio fino alle misure settenarie e la prossima volta affronteremo le scale e gli intervalli.
Ci stiamo avvicinando alla conclusione della teoria necessaria al primo corso. C’è già abbastanza carne al fuoco, ora bisogna lavorare!L’ottava lezione è stata molto importante.

Non solo per i contenuti della stessa, comunque significativi, ma piuttosto per la percezione che finalmente ho avuto, e l’insegnante mi ha confermato, di aver intrapreso il percorso giusto. Sia nella direzione che nell’impostazione dello studio. E’ proprio come un lungo e bellissimo viaggio, di cui sto imparando ad apprezzare ogni curva, dosso e cunetta…

Ma andiamo con ordine: la lezione è iniziata con il solfeggio parlato degli esercizi 3,6 e 8 del Pozzoli. La velocità di lettura non è ancora ottimale, mentre la suddivisione nei movimenti nei tempi binari mi risulta semplice. La prossima lezione vedremo il solfeggio dei tempi ternari e quaternari.

Dopo qualche esercizio di articolazione (solo con la destra perché la sinistra va bene!) abbiamo proseguito lo studio a mani unite degli esercizi del Beyer n. 7 e 8.

Del Bergmueller (che mi piace di più del Beyer per via della mano sinistra in chiave di basso) abbiamo visto gli esercizi 12 e 13 a mani unite.

Infine il mitico Cesi-Marciano, con la Canzonetta di Mozart (brano n.3) che credo mi porterò avanti per un bel po’. Lo studio a mani separate procede benino, devo stare più attento alla tecnica che, preso dalla melodia, tendo a tralasciare. La prossima settimana proveremo a mani unite…

Per quanto riguarda la teoria, abbiamo visto i movimenti del solfeggio fino alle misure settenarie e la prossima volta affronteremo le scale e gli intervalli.

Ci stiamo avvicinando alla conclusione della teoria necessaria al primo corso. C’è abbastanza carne al fuoco, ora bisogna lavorare!

Pianosolo consiglia

2 COMMENTI

  1. Complimenti ginko. La strada è lunga e tortuosa però noto che la stai affrontando nel modo migliore.

    Quale libro stai facendo del Bergmuller?

LASCIA UN COMMENTO