Home Articoli Danilo Rea, Lost in Europe, (Via Veneto Jazz, 2000)

Danilo Rea, Lost in Europe, (Via Veneto Jazz, 2000)

0
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Danilo Rea, Lost in Europe, (Via Veneto Jazz, 2000), 5.0 out of 5 based on 284 ratings

“Lost in Europe” è il primo cd in piano solo di Danilo Rea, registrato dal vivo in occasione di una serie di concerti che ha tenuto in Europa nel 2000, quale inviato di Umbria Jazz come rappresentante del jazz italiano nel mondo.

Danilo Rea è un pianista che ha fatto della contaminazione dei generi e degli stili uno degli elementi caratterizzanti la propria musica: jazz, musica classica, pop si fondono senza soluzione di continuità contribuendo a creare un linguaggio musicale molto apprezzato dagli amanti del jazz ma al tempo stesso accessibile anche al grande pubblico.

Discover the playlist Danilo rea with Danilo Rea

Oltre a una notevole abilità tecnica, Rea ha il dono di un’intensa espressività e la capacità di sfruttare al massimo le potenzialità del pianoforte, passando indistintamente da un’evidenziazione della vocazione ritmica dello strumento, con un tocco violentemente percussivo, che rende la musica quasi materia concreta, a un lirismo intenso, una delicatezza e una dolcezza del canto che solo la voce di un pianoforte riesce ad esprimere con completezza.

La track list è varia, da standard jazz come “Autumn leaves”, “Stella by Starlight” “You don’t know what love is”, a brani ormai divenuti patrimonio comune, come la celebre “Oh che sarà” di Chico Buarque, “Tico Tico”, “Time after time” o pezzi storici del repertorio italiano, come “Un giorno dopo l’altro” di Luigi Tenco, fino alla citazione di un brano di Claude Debussy.

A tutti i brani è applicato lo stile jazzistico. Nonostante la sostanziale diversità dei pezzi, Rea riesce ad ottenere un effetto di perfetta omogeneità stilistica, passando dall’uno all’altro con naturalezza, attraverso la rarefazione delle sue “Sospensioni”, mantenendo sempre viva la tensione lirico-espressiva che lo contraddistingue, rispettando le melodie originali, viste come punti di partenza verso improvvisazioni ardite in cui la libertà è la libertà stessa delle emozioni quando parlano con sincerità.

Pianosolo consiglia

LASCIA UN COMMENTO