Home Speciali Altro speciali I consigli di Pierre Malbos per acquistare un buon pianoforte

I consigli di Pierre Malbos per acquistare un buon pianoforte

0
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
I consigli di Pierre Malbos per acquistare un buon pianoforte, 5.0 out of 5 based on 154 ratings

I CONSIGLI DI PIERRE MALBOS PER ACQUISTARE UN BUON PIANOFORTE

malbos2

Pierre Malbos è uno dei membri della prestigiosa YPTG – Yamaha Piano Technician Guild – è riconosciuto come uno dei più importanti accordatori e restauratori di pianoforti. Nicolas Angelich, Grigory Sokolov, Heléne Grimaud, Chick Corea lo chiamano ai loro concerti per supportare i loro pianoforti  “…perché non è sufficiente che un pianoforte suoni ma tocchi l’anima”.

In una intervista rilasciata a un magazine francese, Pierre Malbos dispensa generosamente i suoi consigli per acquistare e conservare un  pianoforte di qualità:

1)  Valutare il proprio budget.

2)  Acquistare lo strumento da un rivenditore che possiede anche un servizio tecnico.

3)  Chiedere consiglio a un accordatore sul piano tecnico e a un pianista o a un insegnante di pianoforte per la musicalità dello strumento.

4)  Evitare venditori di pianoforte che vi offrono “pacchetti di 10 accordature gratuite!”. L’accordatura gratuita di un quarto d’ora non serve a nulla, il servizio professionale va sempre pagato.

5)  Non modificare i pianoforti: per esempio non mettere “sistemi di silenziamento” a pianoforti che già non li posseggono, il risultato è raramente soddisfacente.

È molto importante anche la manutenzione di uno strumento – dice Pierre Malbos. L’accordatura, la tensione di ogni corda perché le note siano alla giusta frequenza, l’equilibrio tra le note, tra gli intervalli di quinta, di ottava, etc. sono tappe importanti di un lavoro musicale; poi controllare il timbro, la sonorità del pianoforte, la qualità del suono.

Fondamentali le condizioni di conservazione: il pianoforte va mantenuto a una temperatura tra 18° e 23° e a un tasso di umidità tra i 40 e i 70; assolutamente da evitare l’esposizione dello strumento ai raggi del sole o il suo posizionamento vicino a una finestra o a un termosifone.

Insomma con l’acquisto di un pianoforte è necessario trovare anche un buon tecnico con cui instaurare una buona relazione professionale. Da non sottovalutare – conclude Pierre Malbos – anche il fatto che il tecnico sia sempre lo stesso. Quando infatti un accordatore si avvicina a un , ha bisogno di un tempo di conoscenza dello strumento che non è mai uguale per tutti. Raramente la prima accordatura sarà la migliore, perché ogni accordatore ha la sua modalità di lavoro, la sua “mano”, il suo modo di intervenire sulle corde, sui martelletti. Non è dunque una questione di “qualità” ma soprattutto una questione di “comprensione”.

Insomma anche l’accordatore e lo strumento devono …accordarsi!

 

 

 

Pianosolo consiglia

LASCIA UN COMMENTO