Home Articoli Altro Come scegliere il pianoforte

Come scegliere il pianoforte

17
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Come scegliere il pianoforte, 5.0 out of 5 based on 287 ratings

La scelta del pianoforte è davvero un momento importante, ed è necessario compierla con estrema coscienza. Perciò, se devi acquistare un pianoforte, ci sono 4 caratteristiche da tenere in considerazione:

1. Il suono

2. La meccanica

3. Il mobile

4. Il budget

Un’altra caratteristica che non è di poca importanza è la marca del pianoforte. Assicurati che questo sia uno Yamaha o un Kaway (ovviamente se vuoi acquistarne uno a coda, vai sicuro sugli Steinway).

Certo, le altre marche non sono da ” buttare via ” ma, avere quel marchio sul tuo pianoforte è una sicurezza in più.

In questo video ti riassumo e spiego queste caratteristica in maniera piuttosto chiara:

Il suono

Il suono è la caratteristica più importante dello strumento. Infatti è questo ciò che a noi interessa maggiormente. In particolare del suono dobbiamo notare: intensità e timbro.

L’intensità è la pienezza del suono. Mentre il timbro è il colore del suono. Queste due caratteristiche sono molto importanti, la prima è oggettiva e la seconda è soggettiva.

La meccanica

La meccanica non è in parte la tastiera del pianoforte. Infatti la scelta del piano va fatta anche in base a questa. Una tastiera morbida che fa scivolare le dita è sicuramente preferibile ad una dura dove viene impossibile effettuare un glissando.

Il mobile

Il mobile è la parte estetica del pianoforte. Questa non ha alcuna funzione sullo strumento se non riguardo l’ altezza. Infatti più il mobile è alto e più le corde sono lunghe (il che permettono una migliore robustezza del suono).

Il Budget

La scelta del pianoforte deriva anche molto in base al budget che hai a disposizione. Un consiglio è quello di usare tutto il tuo budget senza cercare di risparmiare perché ad un maggior costo del pianoforte, equivale quasi sempre una maggiore qualità.

Manuale sulla scelta del pianoforte

Ho scritto un manuale di 140 pagine che comprende tutti i trucchi e i consigli che serve conoscere per poter acquistare un pianoforte in tutta sicurezza e serenità, ma soprattutto per essere soddisfatti del proprio acquisto. Eccolo qui.

 

 

Pianosolo consiglia

17 COMMENTI

  1. CIAO VORREI COMPRARE UN MEZZA CODA TEDESCO
    MI HANNO OFFERTO UN KRAUSS SAUBER DI 8 ANNI POCO USATO MOLTO BEN TENUTA LA MECCANICA UN PO’ MENO COME MOBILE MA MI DICONO CHE NON INFICIA E CHE SI PUO’ RICìVERNICIARE. MI HANNO FATTO VEDERE DEI LISTINI COSTERBBE 28/30.000 EURO ME LO DAREBBERO PER 15.000. TI SEMBRA UN PREZZO ADEGUATO O E’ UNA FREGATURA?
    GRAZIE!

  2. La cosa che non trovo giusta è il prezzo…4 pezzi che sembrano quelli del meccano, una piastra in silicio da 20 euro te le fanno pagare 1000 euro…va bene tutto ma…
    600 euro di mano d'opera per montare un midi per il quale dichiarano 4 ore di installazione???150 euro ad ora???allora un meccanico esperto per fare marchi prestigiosi chiede 35 euro ad ora… Ma dove siamo finiti???io non lo comprendo davvero…
    Scusate se osn stato prolisso e fuori tema ma…alcune cose non le trovo giuste…

    • Hai ragione, però conviene comprare direttamente un piano contentente già il Silent, che si va a risparmiare perchè installarlo costa sicuramente di più. tuttavia alcune ditte hanno dei prezzi molto più onesti Gabriele, perciò ti consiglio di cercare meglio 😉

  3. Ciao, io ho dovuto aggiungere al mio U1 un casio px 130 digitale..fra i piani digitali sui 600 euro mi sembrava quello col suono piu bello e con la meccanica piu vicina ad un piano(anche se lontana in senso assoluto ad un acustico…) e devo dire che mi ha stupito.
    Inoltre ragazzi non so voi..ma a me hanno deluso i venditori di kit silent…li vendono nuovi sui loro siti a 2000 euro senza installazione e poi te li montano a 1500 euro compreso andata e ritorno ed accordatura….Questo si chiama monopolizzare il mercato e di conseguenza tagliano fuori i privati.seconda cosa, ho trovato una casa che li vende e son stati davvero gentili cordiali e rapidi ed addirittura lo vendevano senza modulo nel caso in cui uno avesse già un Expander o collegamento al PC.

      • Magari essendo più abbordabili dal punto di vista economico, conosco gente che per iniziare preferisce spendere, che so, 500 euro per un piano digitale anzichè andare molto oltre su uno acustico, non sapendo neanche se poi la passione durerà o meno.

        Quindi credo sarebbero ben accetti consigli sulla scelta di un buon piano digitale (la marca, tastiera, casse, uscite audio, affidabilità etc.).
        Non so se mi sono spiegato…

        Grazie comunque per quello che fai.

  4. Io ho comprato uno Yamaha u1 del 69 rifatto completamente in giappone con tanto certificato:il suono è davvero caldo.comparato con un kaway delle stesse dimensioni ed anch'esso a muro non vi è davvero paragone(kaway degli anni 90).
    Pero' ho notato che il kaway ha la tastiera piu "Dura" dello Yamaha .Dopo aver suonato il kaway volo sull'U1 e son molto piu sicuro e veloce.

  5. Il mio maestro ha un Krauss mezza coda con un suono bellissimo e un organo a due manuali, pedaliera radiale concava e registri a placchetta.

  6. Io ho un petrof, e devo dire che è una marca che ho sempre sentito consigliare dai maestri, insieme a quelle che dici tu. l'unica cosa è che i tasti sono un po' più duri che nelle altre marche che mi è capitato di provare e questo lo rende un po' più "difficile" da suonare, (anche se nei principianti anche questa caratteristica dovrebbe essere utile per rafforzare le dita)

  7. Bravo, bel video!
    Io ho comprato per il mio compleanno un Clavinova Yamaha CLP 330: che ne pensi??
    Ciao e grazie ^^

LASCIA UN COMMENTO