Home Articoli Come conoscere il titolo di un brano musicale? Ti aiuta l’app Shazam

Come conoscere il titolo di un brano musicale? Ti aiuta l’app Shazam

0
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Come conoscere il titolo di un brano musicale? Ti aiuta l'app Shazam, 5.0 out of 5 based on 284 ratings

Shazam

Sul forum di Pianosolo ci giungono di frequente domande riguardanti titoli di colonne sonore, brani musicali e pezzi che si sentono come sottofondo in film e video. Quando la nostra memoria non riuscirà a venirvi in soccorso potrete aiutarvi con un’applicazione che si sta dimostrando realmente infallibile: Shazam. Ho letto moltissime recensioni a riguardo, che mi hanno convinto a testarla per verificarne le effettive potenzialità.
Il mio testing è avvenuto con un HTC Desire, con Android. Da notare che Shazam viene distribuito anche su sistema operativo ios (iPad , iPhone ed iPod), con differenze davvero marginali in termini di funzionalità.

ascolto con shazam

Andiamo quindi a vedere da vicino questa applicazione. Una volta prelevata (1,5mb) dal market di Android ed installata, la apriamo. Ci troviamo di fronte (immagine a sinistra) un logo su sfondo celeste. Quello è il logo di Shazam, un bottone sensibile che avvierà il processo di riconoscimento del brano: avrete una decina di secondi per far ascoltare al vostro telefono il pezzo, dopodiché emetterà un verdetto.

Per avvalorare le potenzialità dell’applicazione abbiamo testato 3 tipi diversi di brani. Una colonna sonora, un’esecuzione di musica classica, un famoso brano pop:

1) Ennio Morricone – Per un pugno di dollari

2) Bach – Toccata e Fuga in Re Minore, BWV 565

2) Coldplay – Every Teardrop is a waterfall

 

Il risultato

Il programma non ha fallito un riconoscimento… ad un volume bassissimo: il mio conquilino sta dormendo nella stanza accanto.In aggiunta al titolo ed all’autore, Shazam, vi recupererà dal Web una quantità enorme di informazioni : video su youtube, lyrics, informazioni sul pezzo, suggerimenti e discografia (se appartiene ad un album conosciuto). Ogni vostra più piccola curiosità sarà esaudita.

Prevedo comunque che il software incrontrerà grandissimi ostacoli lungo il suo cammino: il riconoscimento live sarà più o meno impossibile (a meno di registrazioni ufficiali che coincidano con il vostro ascolto), così come il tocco dei vostri artisti, sopratutto quando si andrà a identificare il timbro e la melodia di un solo di pianoforte…

Ad ogni modo mi sembra già abbastanza!

Tralasciando le altre feature, che si spingono verso ambiti sociali… credo che sia arrivato il momento di provarla: link

Aspetto i vostri test ed i vostri commenti 🙂 cosa ne pensate?

Pianosolo consiglia

LASCIA UN COMMENTO